29 giu 2013

Estigrandissimiqaatzi ...

In sintesi: Gabriele Muccino - dopo aver fatto indigestione di bigné a crema - accusa il fratello Silvio Muccino di avere la zeppola in bocca senza avergliene offerto manco un pezzettino. E di essere «plagiato» e addirittura «sequestrato» dalla scrittrice Carla Vangelista.


Silvio Muccino smentisce le accuse apparendo in un video registrato in una località sconosciuta, apparentemente non minacciato e con in mano l'Unità di ieri. Nel video ha letto un testo scritto, non si sa se scritto da Carla Vangelista o meno. In tale contesto aggiunge un riferimento a gravi episodi della propria infanzia (dell'infanzia di Silvio non di Carla Vangelista) che non dice per non nuocere al buon nome della famiglia.


Visto che al pubblico morboso interessa sapere solo quali siano questi gravi episodi, bollando tutto il resto con un semplicissimo stigrandissimiqaatzi, inviterei Silvio e Gabriele Muccino a sfancularsi in privato e non con masturbazioni linguistiche dettate all'AdnKronos.

25 giu 2013

Forse un po' di accortezza non guasterebbe ...

Ecco, un accostamento simile forse non è il più adeguato... ma siamo al Giornale, saranno ancora sconvolti...

La condanna di Berlusconi all'estero...

Inutile dire che la notizia della condanna di Berlusconi ha fatto il giro dell'Europa: molti i quotidiani tedeschi, più Herald Tribune, Gurdian ed El Pais. Si accettano segnalazioni...

24 giu 2013

Mara Carfagna aveva ragione ...

Aveva ragione Mara Carfagna, che nell'occasione si rivolgeva a Ingroia: le sentenze si rispettano.

Nicole Minetti ragazza immagine ...

Non essendo più consigliera regionale, Nicole Minetti, poliglotta di madrelingua inglese, decide di fare una serata al Life Club di Bergamo. Apparizione fugace e ben pagata (il Corriere.it dice cento euro al minuto). Con tanto di fan con la maschera di B.

Assicuriamo gli alpinisti ....

Ogni qualvolta sento di tragedie in montagna, mi chiedo se non sia il caso di obbligare gli alpinisti ad assicurarsi contro gli incidenti, tipo quelli avvenuti sul Gran Zebrù

Ma non per risarcire chi ne rimanga vittima, di quello poco m'importa sinceramente (nessuno obbliga le persone ad avere passatempi pericolosi), ma per far sì che le spese di soccorso - che immagino non siano proprio quattro spiccioli - siano sostenute non anche da chi come passatempo si guarda bene dall'andare a rischiare il popò in alta montagna.

23 giu 2013

Non offendiamo gli scoiattoli please....

Jackie Stallone, 91 anni, mamma di Sly Stallone, si pente per l'eccessivo utilizzo del botox e dice di sembrare uno scoiattolo....in realtà è solo di una bruttezza immane.

19 giu 2013

Eppure il 73% della base ...

Espulsa la senatrice Gambaro, e c'era da aspettarselo. Segnalo solo che 28.502 aventi diritto (59%) non hanno votato e 6.761 aventi diritto (14%) hanno votato per non espellere la senatrice: il 73% degli aventi diritto se n'è fottuto della questione o voleva la senatrice ancora nel MoVimento. Solo il 27% degli aventi diritto era concorde con Beppe Grillo al punto da votare.

Ed al netto del fatto che questo mi pare un autogol bello e buono da parte di Grillo & co., ed al netto del fatto che qualcuno potrebbe anche marciarci per non rinunciare alla diaria, se proprio dobbiamo pensare alla maggioranza, suggerirei di pensare al 73% di cui sopra.

Voto di protesta...

Altro che Beppe Grillo



Via Teresa la Vispa.

“Ho pensato che si fosse addormentata” ....

 Il padre che dimenticò la sua bimba - poi morta di stenti - in auto dichiara ...
«Ho pensato che si fosse addormentata e ho continuato a guidare verso l’asilo, a quel punto concentrato sulle incombenze delle giornata. Casistica clinica, lezioni, studenti da seguire, trasferimento nella nuova sede. E poi la ristrutturazione della casa, mia moglie Chiara incinta di otto mesi…»

Che non è altro che la sintesi di quello che vi dicevo io giorni fa. Purtroppo.

18 giu 2013

Fotomontaggio?

Sulla vicenda della donna morta a Formia (e quella correlata del marocchino a Vibo Valentia) nell'indifferenza generale sono circolate queste due foto...

Poi dite che vogliamo rinnovare il paese...

Queste due foto sono sintomatiche di un sentimento di totale egoismo ed indifferenza: per nessuna ragione al mondo i presenti si son presi la briga di interrompere anche le cose più futili quanto meno per rispetto verso un morto. 

Non dico assai: spostarsi di qualche decina di metri. No, invece totalmente impermeabili anche alla presenza di un cadavere, che oggettivamente non dev'essere una presenza piacevole. E se si è impermeabili a tutto questo, vuol dire ormai avere un callo molto spesso.

E questa è una tra le più profonde (e difficilmente sradicabili) forme di degrado umano: degrado che inevitabilmente rallenta il miglioramento di questo paese.

15 giu 2013

Vorrei capire....

È di questi ultimi giorni la pubblicazione, purtroppo, di tre notizie che hanno visto come vittima tre donne. Una giovane albanese, forse una prostituta, a Napoli pestata quasi a morte. Poi legata, imbavagliata e messa in un sacchetto dell'immondizia. La seconda notizia è quella di un bidello che spara ad un'insegnante uccidendola, a Ragusa. Poi a Scampia un figlio che uccide la mamma per futili motivi.

Vorrei sapere, dai sapientoni che parlano di femminicidio ad ogni piè sospinto, se questi tre casi rientrano o meno nel femminicidio. Io dico di no. Oltre a quanto già detto, e a cui vi rimando qui, dobbiamo intenderci sul movente. Spesso si riconduce il femminicidio al fatto che una separazione sia mal digerita dall'ex marito o dall'ex fidanzato, i quali mal sopportano che la propria donna, anzi la propria femmina, diventi da loro indipendente.

In questo caso ogni cosa fa pensare a un raptus e in ogni caso il movente non pare collegato a quello che normalmente si fa rientrare nella categoria del femminicidio. Anche se due donne sono morte e una terza lotta per non morire.

Ne approfitto per ricordare che la discussione sul movente, se mai si inserisse quell'obbrobrio giuidico meglio conosciuto come femminicidio, in sede processuale moltiplicherà i tempi di discussione. Produrrà, quindi, ingiustizia: si sanzionerà più tardi il colpevole, perchè la discussione implicherà tutta un'approfondita analisi sul movente, che normalmente adesso - eccezion fatta per processi più complessi - può essere genericamente fatto rientrare nei futili motivi. Essere lasciati dalla propria moglie o respinti dalla donna che piace o ricevere un rifiuto di una cortesia qualsiasi, è sempre un motivo futile per uccidere qualsiasi individuo.

E sottolineo che il femminicidio, nei termini in cui viene socialmente contemplato adesso, ha un suo elemento fondante nella dipendenza economica femminile nei confronti dell'uomo. Il che consente - seppur in una visione perversa del rapporto - di considerare la donna come qualcosa di cui si ha la proprietà.

Se volete, quindi, unire politiche per la famiglia e tutelare le donne, tutte le donne, forse una possibile soluzione, ancorché parziale, può essere quella di eliminare o quantomeno ridurre tale dipendenza economica.

Skinhead da tutt'Europa in arrivo alle porte di Milano

Nel 1990, dalla fusione tra gli skin milanesi e il nucleo più radicale degli ultrà Boys SAN dell’Inter, nasce Azione Skinhead.

Sulla rivista di Azione Skinhead, la presentazione del gruppo è la seguente:
“Quello che più ci preme è rendere chiaro quello che, oggi, significa essere skinhead: in tutto il mondo e particolarmente in Europa, dove il movimento ha preso un' unica e precisa direzione. Dalla Francia alla Germania, dalla Cecoslovacchia all' Irlanda, dalla Svezia alla Polonia, gli skins fanno politica. Anche in Italia le cose si stanno muovendo...”
L'occasione iniziale, nel 1993, è quella di sostenere le spese processuali di Azione Skinhead.

Nacque così l'idea di manifestazione che richiamasse i gruppi “d’area” alcuni anche con pagina dedicata su Stormfront.

Come al solito, come avviene anche per i rave party vietati, l’indirizzo e il luogo esatto della manifestazione verranno comunicati ai partecipanti solo all’ultimo momento, via sms e per evitare problemi di ordine pubblico, dagli organizzatori.

Ecco oggi da tutta Europa si riuniranno alle porte di Milano





14 giu 2013

Adesso espelleranno anche Gentilini....

Dolores Velandro ed il momento di rabbia...

1° maggio: «Vai a comandare a casa tua, capra cioccolatosa!»

18 maggio: «Senti un po’, brutta bertuccia, ti pago io volentieri il biglietto di sola andata per il tuo paesello, hai capito che stai rompendo un po’ troppo le palle??»

22 maggio: «Tornatene in Congo, brutta scimmia»

2 giugno: «Meglio se cambi spacciatore, ministra, o meglio ancora se ti cuci la bocca una volta per tutte!

E ancora: «Ma va a ciapar i rat, brutta scimmia»; «Sempre più schifata di avere in Parlamento una ministra nera e musulmana»; «Ma quando ti tapperai quella brutta boccaccia, sei ospite nel nostro Paese, tornatene nella tua giungla selvaggia!»; «Vade retro Satana nero, ritorni nella sua giungla, le banane l’aspettano con ansia!».

Ecco una simile doveva essere mandata via molto ma molto prima...e comunque anche Gentilini non è stato da meno nel suo cursus honorum...eppure fino a qualche giorno fa era esaltato e coccolato come uno statista dagli stessi che oggi, giustamente, si scandalizzano.

p.s. Ho preso spunto da Gad Lerner.

Questo processo non s'ha da fare ....

Come segnala il Movimento 5 Stelle della Campania, il regolamento del MoVimento 5 Stelle prevede che:


“I parlamentari del M5S riuniti, senza distinzione tra Camera e Senato, potranno per palesi violazioni del Codice di Comportamento, proporre l’espulsione di un parlamentare del M5S a maggioranza. L’espulsione dovrà essere ratificata da una votazione on line sul portale del M5S tra tutti gli iscritti, anch’essa a maggioranza”.

Orbene, il regolamento prevede il divieto di partecipare ai talk show, ma non il divieto di rilasciare opinioni critiche su Beppe Grillo. Opinioni critiche, peraltro, giunte recentemente espresse anche da Rodotà, che indicato come candidato presidente della Repubblica alle Quirinarie, e Dario Fo.

Si può discutere se Grillo sia o meno il problema, si può discutere se e come cambiare rotta, l'importante è il poter discutere di strategie senza essere per questo sfanculati. Anche perché da uno che manda a fanculo tutti, ottuagenari e tombe maleodoranti comprese, poi mi aspetto che accetti coerentemente delle critiche poste civilmente, peraltro.

13 giu 2013

Le condizioni dell'amicizia.

Due le condizione essenziali, tra le altre cose, dell'amicizia: condivisione e reciprocità di trattamento. Non somma algebrica (dovremmo - per usare un termine di moda - "rendicontare" tutto). Reciprocità. E condivisione. 

Io ho alcune premure per te e tu alcune per me. Io sono disponibile su alcune cose e tu su altre. Io condivido le mie gioie e dolori e tu le tue. Ovviamente tutte queste cose varieranno come numero a seconda del tenore e dello stile di vita, del lavoro e di tante cose che influiscono. 

Se c'è reciprocità e condivisione che ha saldato l'amicizia, poi possiamo non vederci per anni. Saremo amici per sempre e quando ci rivedremo sarà come essersi salutati ieri. Ma se manca la reciprocità e la condivisione non prendiamoci in giro, non si è amici ma nemmeno nemici. Magari solo conoscenti.

08 giu 2013

Ipocrisia allo stato puro...

Mi sono rotto i coglioni del finto cordoglio dei politici per ogni militare italiano morto. Se fosse così lancinante e doloroso, ritirereste le nostre truppe da tutte le missioni all'estero, risparmiando soldi e vite umane e ci limiteremmo a partecipare alle sole missioni ONU.

07 giu 2013

Pubblicità quanto mai azzeccata

Pubblicità apparsa sul Venerdì di questa settimana (n.1713) ...


Significativo il commento “oltre ogni attesa”...che per quello che sta accadendo in questi giorni è azzeccato anche se penso non sia proprio quello che si attendono i turisti. Ricordo che questa pubblicità continua una serie degna di nota cominciata con la pubblicità apparsa nel numero 1711 del 24 maggio, poi ripresa in una variante la settimana seguente.

L'amore di Nicole Minetti verso Berlusconi ....

Giacché i vostri figli ve li dimenticate ...

Il papà che si dimentica del figlio in auto, facendolo morire di stenti, ha suscitato un certo scompiglio. Comprensibilmente s'intende. Spero che il rimorso perseguiti questo padre in tutta la sua vita. E spero che la vita di questo padre sia lunga. Enormemente lunga. In modo tale che tale rimorso sia esteso il più possibile.

Quando vedrà altri bimbi uscire da scuola. O fare la prima comunione. O quando vedi i nonni con i figli dei figli. Ultracentenario e con memoria vivida. Sarà questa la pena da scontare. Niente galera. Questa pena sarà peggio dell'ergastolo.

La priorità di Alemanno.

Alemanno ha una priorità: potenziare i trasporti. Speriamo non ripetendo Parentopoli (che per Alemanno è al massimo abuso di ufficio).


05 giu 2013

Così si fa in democrazia

Nella stessa aula in cui Laura Castelli parla di olio di ricino, Mussolini qualche decennio fa disse:
«Potevo fare di questa Aula sorda e grigia un bivacco di manipoli: potevo sprangare il Parlamento e costituire un Governo esclusivamente di fascisti. Potevo: ma non ho, almeno in questo primo tempo, voluto».

La profonda analisi di Briatore su Ballarò ...

Molto profondo e pacato il commento di Briatore sulla puntata di ieri di Ballarò...

04 giu 2013

Taormina ed il criminale democristiano ....

Carlo Taormina a  La Zanzara
Un parlamentare democristiano della Prima Repubblica. E’ ancora vivo ed era un grande criminale, l’ho fatto assolvere“
“Sono molto contento che sia stato assolto, perchè quando posso fottere i giudici sono tranquillo“

“Fottere la magistratura è la cosa più bella che uno possa fare” 

O coerenti o silenti.

Io penso che la religione sia una componente privata del proprio sviluppo personale e psicologico.  Ognuno, nella propria vita, può decidere se, come e quando credere nella divinità che ritiene più opportuno. E se decide di professare la propria religione, avvenga ciò in Chiesa, in Moschea o ovunque, dev'essere libero di farlo.

Ma penso sia un segno di arrogante inciviltà nascondersi dietro la propria religione, per non compiere appieno il proprio dovere. Almeno se accettiamo l'idea di vivere in uno Stato laico, come è l'Italia.

Facciamo che, per esempio, un medico obiettore di coscienza non voglia far abortire una donna, che per la legge italiana ha tutto il diritto di abortire, per seguire i suoi precetti cattolici.

Ok, caro medico, puoi obiettare, ma è troppo facile usare la clava della propria religione per imporre agli altri le proprie scelte. Vorrei vedere la tua faccia se pretendessi da te il matrimonio religioso, niente sesso prematrimoniale, niente preservativi nè sodomia e a messa tutte le domeniche. Il tutto controllato, certificato ed eventualente sanzionato dallo Stato italiano, almeno finché lavori in un ospedale pubblico. Cioè espressione dello Stato laico.

Ovviamente tutto ciò non sarebbe pensabile, nè francamente di facile attuazione, ma se si volesse essere coerenti fino in fondo, se non ti va di far abortire una donna, è anche lecito che non ti vada se le tue convinzioni etiche ti dicono di no, ma vai a fare il medico nelle strutture private dove non si pratica l'aborto. Sii coerente con te stesso, e non imporre la tua morale agli altri.

Perché se per caso - comprensibilmente, beninteso - non ti andasse l'intromissione, il controllo ed il sindacato della tua vita privata e personale, cioè il sindacato sul fatto che tu faccia ad esempio sesso prematrimoniale con la tua futura moglie o meno, pensa che non va nemmeno alla donna che ha deciso di abortire e che tu non vuoi far abortire per la tua esclusiva convinzione morale che hai deciso di imporle.

Parola di Umberto Bossi ... ora bravo riposa che poi passa.

Giusto un estratto per capire la situazione...

Ho sbagliato a portare Renzo nel consiglio regionale lombardo?…”. Lo interrompe Manuela: “Col senno di poi, è stata un’ingenuità”. “Che poi s’è dimesso per motivi da niente”, ricomincia Umberto
“Maroni sta distruggendo la Lega, butta fuori la gente. Quel mio colpo di genio con cui avevamo preso la guida di Veneto e Piemonte, con Zaia e Cota, di questo passo al prossimo giro ce lo sogniamo”.

“Non lo rifarei mai, non ripeterei quelle parole (nda. aveva chiesto scusa per i danni provocati “da chi porta il mio cognome”). A Bergamo mi ci avevano trascinato in manette. E ora mi hanno tolto gli autisti e le guardie del corpo per cercare di impedirmi di andare in giro a parlare con i militanti, a dire la verità. Espulsioni, espulsioni, mandano a rotoli la mia Lega!”.



Via Gad Lerner.

03 giu 2013

Semplicemente: Vorrei Essere

Semplicemente: Vorrei Essere:
Vorrei essere come Te

Avere la tua calma, perché la calma si sa è la virtù dei forti.


Vorrei essere come Te e avere la tua malinconia.


Vorrei avere la tua dolcezza, per poter dare alle persone che amo tutta me stessa, come fai tu.


Vorrei essere come Te, essere nata dove sei nato tu, per poter avere quella conoscenza, che ti rende cosi unico.
Vorrei essere come Te, avere la tua passionalità


Vorrei essere come Te, avere la tua adrenalina e fare delle mie paure la mia forza.


Vorrei essere come Te, avere la tua sfrontatezza.


Vorrei essere come Te, avere i tuoi occhi color speranza e la loro profondità per poter guardare il mondo come lo guardi tu  e riuscire forse ad essere una persona migliore.


Vorrei essere come Te, anche per capire me, per vedere quello che tu vedi in me.


Vorrei essere come Te perché le persone come Te cambiano la vita delle persone e le rendono migliori.
Vorrei essere come Te. Ma non lo sono.


Sono me.


Sono impetuosa e cocciuta come un mulo. 


Vorrei essere come Te perché tu sei migliore di me, perché tu sei Tu .


Vorrei essere come Te
...

Semplicemente: Potenza

Semplicemente: Potenza:Sdraiata sull'erba bagnata osservo le nuvole e chiudendo gli occhi immagino di starci sopra.
Da quassù tutto sembra diverso più bello, vedo la gente piccina piccina correre, senza sapere dove andare, ogni tanto vedo qualche macchia di verde, quel pò di verde che ancora è rimasto, vedo le case, tantissime case, squarciate dalla natura che si è ribbellata alla perfidia dell'uomo, vedo le fabbriche, chiuse. 
I bambini piccole creature che corrono e si divertono nella loro innocenza, mamme che li abbracciano, che li coccolano con il loro calore, quel calore che solo una madre sà dare. 
Sembra di essere in un altro mondo, visto da qui. 
Apro gli occhi, respiro e sento gli odori della natura dell'erba bagnata, e sorrido nel rendermi conto di aver sognato, la pioggia mi accarezza e resto immobile ad osservare la potenza della natura sull'essere umano.
Natura tu trasformi le nostre vite, dai vita alla vita e togli la vita.
Come la pioggia me ne vado e lascio che tu possa mostrare la tua potenza.
Ti osservo dal vetro, ammiro le tue gesta il tuo potere. 
Dopo la pioggia, il sole , l'arcobaleno.
Sei Immensa .
Sei Potenza.

Semplicemente: Se chiudo gli occhi.

Semplicemente: Se chiudo gli occhi.: ... 
Se chiudo gli occhi riesco a vederti.
A sentire il tuo profumo, il tuo odore.
L'odore dell'erba, il profumo del sole, che baciava il tuo viso, accarezzando dolcemente il tuo corpo.
La tua voce, cosi profonda, piena.
Riempiva il silenzio, musica per il mio cuore che con il suo battito, insieme suonavano una musica tribale.
Le tue mani, forti, curate, grandi.
Mi stringevano, mi lasciavo stringere a Te.
Stringevi i miei fianchi cosi forte, come uno scalatore fa con la roccia quando sta per cadere. 
Il tuo cuore. il suo battito, l'ho ascoltato, l'ho fatto mio.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop