14 feb 2010

W San Valentino.

C'era una volta un marito che era decisamente facoltoso in virtù del lavoro che tanto bene ed onestamente svolgeva, quanto infedele nei confronti della propria moglie. Un bel giorno viene scoperta la presenza di una sua amante, che non era una donna qualsiasi, ma la moglie di un suo ex collega di lavoro. Le ripercussioni sotto il profilo del danno d'immagine sono immediate, ed il rischio di subire danni anche sul proprio lavoro sono alti. Con il passare del tempo pare che quest'uomo facoltoso quanto infedele, avesse avuto anche altre mogli di suoi colleghi od ex colleghi come amanti.

Un bel giorno, precisamente a San Valentino, per farsi perdonare dalla moglie, e solo dopo essere stato scoperto, l'uomo facoltoso quanto infedele raggiunge la quasi ex moglie in un posto per straricchi, provando a spacciare per amore vero quello che molto probabilmente non è stato fino a quel momento (e chissà se sarà mai), e ricoprendola di regali costosissimi prova a recuperare un matrimonio basato sul VERO amore, disinteressato, tipico dei due cuori e una capanna (ovviamente superaccessoriata).


Non so a voi, ma quest'accezione del San Valentino, e le varianti sul tema decisamente analoghe alla storia di John Terry qui raccontata, mi danno fastidio come ascoltare le unghie che stridono sulla lavagna.

Comunque auguri a tutte le persone che ovviamente ... si chiamano Valentino o Valentina. Ci mancherebbe altro.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop