26 giu 2010

L'attentato a Berlusconi fu un falso?

Ritorniamo oggi a parlare di Tartaglia, specialista olimpico di tiro al bersaglio del Duomo: le perizie depositate in vista dell'udienza del prossimo 29 giugno (e disposte dal GUP) giudicherebbero Tartaglia incapace di intendere e di volere al momento del fatto.

Se il fatto fosse confermato, stroncherebbe la teoria pro-complotto: ebbene sì perché, fermo restando che nessuno dei complottisti ancora si è degnato di dare una ricostruzione coerente dell'accaduto, è alquanto strano che uno dichiarato incapace di intendere e di volere possa essere anche una pedina del complotto. E se così fosse, i complottisti dovrebbero ancora dirci a che pro un soggetto di tal pasta si sarebbe dovuto prestare.



Insomma i dubbi rimangono, e ricordo a tutti che le perizie disposte nel febbraio scorso avrebbero indicato una prognosi di 20-40 giorni e non di 90 giorni come proveniva da fonti vicine a Berlusconi.

p.s. faccio notare che Sonia Alfano non ha in alcun modo insinuato che fosse un complotto come ho ritrovato on line, ma ha semplicemente detto, in un suo videomessaggio: la TV tedesca dice quello che in Italia molti pensano e nessuno dice e fa una ricostruzione assumendosene la responsabilità secondo la quale l'attentato a Berlusconi sarebbe una farsa. Si informi, chieda spiegazioni e cerchiamo di capire che è successo. Al momento l'unico video che ho trovato della TV tedesca mi sembra più ironico che altro, anche perché non mi risulta alcun film di Oliver Stone sul tema.





Vedi anche:

Perplessità sulle perplessità.

Perplessità sulle perplessità/2: tutto ciò che i complottisti dovranno chiarire e che non hanno chiarito.

3 commenti:

  1. eh...e chi mai lo saprà? Secondo te noi, ultime ruote di un carro infinito lo sapremo mai?
    un saluto
    dai un occhiata anche al mio blog
    ;)

    RispondiElimina
  2. Se fosse un falso, sarebbe un falso d'autore... Tartaglia anche da incapace di intendere e di volere resta uno dei miti di questo secolo.

    RispondiElimina
  3. - G. mai disperare nella vita, se si parte già sconfitti in partenza non si combinerà mai nulla di buono. Cerchiamo sempre di avvicinarci il più possibile utilizzando la nostra testa, chissà che qualche volta non ci si riesca.

    - Rospo se intendi mitico il fatto che Tartaglia sia riuscito a far passare come vera un'aggressione che molti (non io) ritengono falsa allora potrei anche concordare, ma spero che tu non intenda considerare mitico il gesto di violenza in sè, nel qual caso non riuscirei a concordare con te.

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop