14 ago 2010

Ecco, secondo il Giornale, le carte che accuserebbero Fini, in teoria potrebbero essere usate anche per dimostrare lo sbarco dei marziani.

Leggendo Il Giornale si sembrerebbe finalmente in presenza di uno scoop: finalmente sveliamo le carte.

Avranno scoperto qualcosa di serio? Sì l'acqua calda.

Leggendo leggendo ecco cosa emerge dall'articolo de Il Giornale: emerge che Fini e la Tulliani hanno curato personalmente la ristrutturazione dell'appartamento. E fin qui nulla di illegale, nè di poco etico, nè in contrasto con la difesa di Fini o con la sua lettera aperta la quale fa esplicito riferimento alla necessità di ristrutturazione date le condizioni fatiscenti. Chiunque voglia rivendere un immobile fatiscente può  anche decidere di accollarsi il costo di una ristrutturazione per avere maggiori facilità nella citata vendita. 

Si dice, poi che i Tulliani sono vecchi clienti della società di ristrutturazioni, e anche qui: che ce frega, e dice che si sono fatti fare diversi preventivi e che talvolta non erano soddisfatti del prezzo.

Quindi fin qui niente di nuovo. Leggo meglio e vedo: 
Vedi, arrivano i testimoni: hanno scoperto l'acqua calda


Mi dico: arriveranno dichiarazioni scottanti. Manco per niente. La prima testimonianza, però, sembra andar giù pesante:

Bravo, gli hai fatto gli auguri?


Dunque la vendita è avvenuta, a detta di Fini, il 15 ottobre 2008, ma la presenza di Fini a Natale 2009 nell'androne del palazzo, oltre che tutta da dimostrare, potrebbe in sè anche non dimostrare un bel niente: costruirci un'ipotesi accusatoria mi sembra un po' tanto. E poi, così, questo acquirente così deluso dal suo mancato acquisto ma così tanto preciso a ricordare di aver visto Fini, perché non ha presentato copia delle sue offerte scritte a Il Giornale? Questo sì sarebbe un bel documento che io pubblicherei di corsa. 

La seconda testimonianza a prima vista sembra migliore:





E invece una delusione anche qui: Garzelli, titolare della società di ristrutturazione, va a memoria sull'inizio e sulla durata della stessa (che peraltro non è oggetto di indagini nè vi sono sospetti di sorta); non ci sono le fatture della citata ristrutturazione, detenute a detta di Garzelli dall'architetto Blanchi, né un preventivo e neanche un ordine di servizio; i lavori sarebbero stati effettuati nel 2009 e il cognato di Fini avrebbe seguito i lavori personalmente; Garzelli non ricordava di chi fosse la proprietà, ma su debita imbeccata ha saputo rispondere.


Insomma: non ci sono prove documentali che sostengono le versioni dei due testimoni, uno dei quali sembra molto incerto sugli argomenti di cui parla; le testimonianze vertono prevalentemente sulla ristrutturazione, che allo stato non risulta essere stata effettuata irregolarmente. 

Senza contare la smentita del mobilificio che avrebbe fatto il trasporto dei mobili, assolutamente non riportata da Il Giornale.


L'unica cosa che si dovrebbe spiegare è se veramente Fini e la Tulliani s sono occupati direttamente; ma soprattutto: vedete voi documenti così compromettenti? In un post successivo vi dirò che cosa penso su questo tipo di articoli.

17 commenti:

  1. Speriamo che Fini gli tolga anche le mutande al quel demente di Feltri, cosa aspetta l'Ordine dei Giornalisti a radiare questo demente? E poi vogliono la solidarietà della gente comune quando fanno le rivendicazioni?
    Sono venuto alla conclusione che la categoria dei giornalisti è una categoria di fanfaroni, e bugiardi

    RispondiElimina
  2. MA CREDETE CHE LA GENTE SIA TUTTA FESSA?? L'APPARTAMENTO è VENDUTO NEL 2008 E GUARDA CASO LA RISTRUTTURAZIONE E I MOBILI VENGONO ACQUISTATI TRA IL 2009 E IL 2010 ..O SITE SCEMI O LO FATE MA SMETTETELA DI DIFENDERE UN BUGIARDO CHE PER GLI ALTRI VUOLE LE DIMISSIONI MA PER SE STESSO NO MA FATEMI IL PIACERE PAGLIACCI VOI E FINI CON I SUOI FEDELISSIMI INSIEME..

    RispondiElimina
  3. Dove trovate tutta quella differenza tra la vicenda di Fini con le "prove provate" della presenza di Escort a Palazzo Grazioli, con tanto di fantastica foto nei gabinetti della Gentile pulzella.
    Quelle a voi sembravano sante, giuste, e sufficienti a voler fare dimettere il Presidente del Consiglio. Quello che fa schiantare dalle risate é una sinistra che difende colui che per farsi eleggere segretario del M.S.I. aveva detto "Mussolini avrebbe votato per me!"

    RispondiElimina
  4. @ Piero - Spero anche io, come te, che Fini possa stravincere e lasciare Feltri in mutande: pagando parecchio di tasca propria si può rendere conto di ciò che si fa. Penso anche che Feltri sia abbastanza vicino alla radiazione perché ha già subito diverse sanzioni dall'ordine dei giornalisti e non accenna ad avere comportamenti corretti. Invece non concordo sul fatto che Feltri sia un demente, per quanto non lo ritengo nè intelligente nè colto, è furbo nel senso (per me) negativo in quanto la strategia che adotta a favore di Silvio Berlusconi è una strategia chirurgicamente precisa e colpisce chi critica il capo. Analogamente non mi va di generalizzare su tutta la categoria dei giornalisti: ci saranno sicuramente giornalisti seri, magari poco conosciuti, che vorrebbero fare il loro lavoro in modo onesto.

    @ Anonimo - una firmetta non guasterebbe (ed analogamente scrivere in minuscolo). Ma c'è una certa libertà su questo blog e non sia mai detto che si censura un'opinione contraria. La risposta al tuo commento è nel post, quindi non mi dilungo ulteriormente sulla scarsità di prove documentali addotte. Gli "altri" hanno incarichi di governo, accuse di associazione mafiosa o di corruzione e/o condanne passate in giudicato. Fini non è nemmeno indagato.

    @ Marco - a differenza delle persone indottrinate e schierate a prescindere, io ritengo che sostenere che una persona sia innocente non significa condividerne le idee politiche. Ne faccio una questione di libertà e di onestà mentale. Fini può non aver commesso nulla, o può aver commesso cose di scarsa gravità, ma io non lo sosterrei politicamente. La differenza tra Berlusconi e Fini è nel fatto che le ombre e gli errori che circondano Berlusconi sono più gravi di quelli di Fini, e in secondo luogo il primo ha incarichi di Governo e non il secondo.

    RispondiElimina
  5. Oggi apre con titoloni che vogliono dimostrare l'acquisto dei mobili da parte di Fini.
    Vai a leggere e scopri....
    1) la fattura è a nome Tulliani
    2) non c'è nessun riferimento di Montecarlo o località estera. Solo che sono stati comprati dei mobili. Che scoop!
    Il Giornale è più ridicolo di Novella 2000.

    RispondiElimina
  6. Sì Lewis la falsariga che segue è quella, dato che la maggior parte delle persone legge (e ricorda) i titoli, e si sofferma poco sul contenuto degli articoli.

    RispondiElimina
  7. purtroppo da quando SB e entrato in politica, è riuscito a cambiare, stravolgendolo il modo di fare politica, in primis circondandosi di personaggi ambigui che con la politica non hanno niente da spartire. serve loro solamente per fare leggi ha loro favorevoli, rendendo leciti i loro intrallazzi, sfruttando cosi il potere acquisito nel governo. dove ci sono inquisiti x mafia,dando cosi una specie di legalità al malaffare. visto il potere che con prepotenza impongono al servizio di informazione,facendo passare solo notizie manipolate, nascondendo cosi la verità. ha pensare male verrebbe da domandarsi,questi individui sfruttando gli apparati dello stato x combattere le cosche mafiose ha loro contrarie,x assoggettarle, vedi arresti di questi due anni, e tutte le leggi ad persona, che non hanno eguale nemmeno nel terzo mondo. NESSUNO1°

    RispondiElimina
  8. Ma certi gioralisti non farebbero meglio a informare gli Italiani sui problemi degli Italiani e sulle soluzioni che una classe politica seria dovrebbe preoccuparsi di trovare,invece di pensare soltanto al proprio tornaconto,quei signori che sono al parlamento non li abbiamo mandati li solo per scaldare le poltrone ed ingrassarsi a barba nostra,stanno prendendoci in giro,si danno del farabutto e del ladro a vicenda e non sanno che e'tanto ladro chi ruba quanto chi tiene il sacco,BASTA azzeriamo tutto,tutti a casa e si ripresenti soltanto chi e' pulito e immacolato,c'e' ancora in ITALIA gente pulita per fortuna.

    RispondiElimina
  9. Fini non ha spiegato come mai il cognato si trova in un appartamento venduto da lui.Considerando che possiede una macchina di 200 mila euro è possibile che l'appartamento sia proprio dei Tulliani, come si spiega altrimenti che proprio l'Elisabetto seguisse i lavori di ristrutturazione? Gli italiani non sono scemi e Fini ha svenduto un appartamento di A.N. a suo cognato attraverso società estere create ad hoc!

    RispondiElimina
  10. ho ancora gli scotrini fiscali del frigo , della lavatrice e della lavastoviglie che ho cambiato qualche anno fà se interessano al sig. Feltri prego contattarmi grazie

    RispondiElimina
  11. Non ho mai avuto simpatia per Fini, ma pensare che debba dimettersi per fare posto ad un baciapiedi del cainano, per questo è stata messa in campo la "cura Boffo". Spero che questa volta al duce di Zoccolandia finisca con l'amaro in gola. Una precisazione: il popolo elegge i rappresentanti in Parlamento, il Parlamento formula e approva le leggi, Il Presidente Della Repubblica nomina il presidente del consiglio, il Parlamento vota la fiducia (con l'attuale legge elettorale assomiglia ad un cda). Quindi è ancora prerogativa del Presidente Della Repubblica nominare un nuovo esecutivo se lo zar di Zoccolandia viene sfiduciato, non decidono ne i baciapiedi di Zoccolandia ne i dementi al viagra. Ry

    RispondiElimina
  12. ho postato un commento che non conteneva offese per nessuno,conteneva solamente supposizioni legittime, in uno stato democratico. ho possono solo loro fare accuse infamanti, mentre un cittadino viene censurato per avere portato un semplice esempio. NESSUNO1° VITTORIO

    RispondiElimina
  13. @ Nessuno1° il tuo commento è stato pubblicato. Finché sono critiche civilmente espresse va bene. Il fatto, poi, che gli altri facciano accuse infamanti non giustifica la reazione con altre accuse infamanti.

    @ Anonimo, la vendita o la svendita è ancora oggetto di accertamenti della magistratura, quindi quando questa si pronuncerà saprò dirvi. Quindi a tutt'oggi è ancora tutta da dimostrare la responsabilità di Fini.

    @ Ry, spero trovo giusta la tua precisazione

    Giusto per la cronaca: solo un commento (peraltro anonimo) non è stato pubblicato perché ritenuto da me offensivo verso Feltri, Minzolini e Fede. Li ritengo estremamente criticabili per il modo con cui fanno giornalismo, ma c'è modo e modo di criticare.

    RispondiElimina
  14. @ Anonimo (11:39). Condivido in pieno con te.

    Vi chiedo di farvi un account o di firmarvi così anche per rispondervi è più semplice. Altrimenti mi vedo costretto a non accettare i commenti anonimi.

    RispondiElimina
  15. Grazie per aver pubblicato il mio primo commento. Per persone "non schierate a prescindere" trovo strano che tu non commenti anche su chi "vuole togliere le mutande" al presidente del consiglio,commento sicuramente pacato e di dialettica democratica. Quanto alla "gravita'" delle posizioni dei due, faccio fatica a comprendere chi debba decidere i parametri di questa "gravita'". A forza di essere "anti-qualcosa o qualcuno", questo paese sta diventando peggio dei politici di maggioranza ed opposizione. Comunque hai ragione; nonostante tutto continuo a pensare, e piu' lo faccio piu' mi accorgo che gente che si ritrova tra le fila anche gente inquisita e che strilla contro gli inquisiti, continua a credere in una inesistente superiorita' morale, Grazie ancora, e ciao.

    RispondiElimina
  16. Marco non ho problemi a pubblicare commenti che espongono dubbi, perplessità, domande o opinioni critiche. Sei stato molto civile nel tuo commento e non c'era motivo per censurarti.

    Ho già commentato chi riteneva che Feltri (e di conseguenza Berlusconi) va lasciato in mutande: non sarà pacato ma non penso che il giornalismo di Feltri sia meglio: anzi non lo trovo per niente di alta qualità e il caso Boffo è un caso emblematico dei danni che questo tipo di giornalismo ha provocato. Anche nei confronti di Fini non trovo che si possa parlare di scoop giornalistico, nè di inchiesta degna di questo nome da parte del giornale, solo un accanimento che è dettato probabilmente da ragioni politiche più che giudiziarie e che può comportare dei danni laddove si sfoci nella diffamazione. Legittima è la volontà di risarcimento in tal caso.

    Quanto alla gravità delle posizioni, penso che un parametro sia da un lato che il fatto che Berlusconi gestisce affari pubblici e non può gestirli a proprio favore o a favore dei propri amici o delle proprie aziende (conflitto di interessi docet). Fini, al più, dovrà dare conto ai suoi ex compagni di partito, non gestisce soldi pubblici. D'altro canto, ammesso e non concesso che Fini abbia commesso reati, c'è una scala di gravità che funge da parametro ed i reati (o i sospetti) di corruzione o di associazione mafiosa sono decisamente più gravi che un'irregolarità sulla vendita di una casa, non trovi?

    Sull'ultima considerazione mi fa piacere che concordiamo.

    RispondiElimina
  17. per ALESSANDRO – da parte –di nessuno1° non ne ho molta di fantasia. Perché credo che l’utopia ,sia la luce per un domani migliore. Per fare si che questo entri nelle menti va alimentata, e credimi faccio molta fatica, perché io appartengo alla moltitudine che è nata ne l’era fascista, dove gli analfabeti erano la maggioranza, siamo sopravvissuti al fascismo,alla distruzione della guerra, ma il sogno utopico no ci ha mai abbandonato,con sacrificio abbiamo ricostruito l’italia da consegnare hai nostri figli,per un domani migliore. L’ignoranza credevamo fosse la nostra debolezza , ma i fatti ci hanno smentito. Noi senza licenza elementare abbiamo avuto come insegnante l’esperienza, che ci ha fatto capire che le ideologie ,non esistono,sono solo create ad arte dalla classe dominante, per creare fazioni da sottomettere al proprio volere. Ti domanderai ma dove vuole arrivare? Ci arrivo subito, al sogno utopico che se venisse coltivato è l’unica salvezza. L’utopia unica luce per un domani migliore, senza partiti che fanno chiacchiere da 62 anni. Utopia per un popolo coeso ha l’interesse comune, e non dei pochi come avviene da sempre, con la sparizione di tutto ciò che sino ad oggi ci ha ingannato, per suo torna conto. Sfruttando le credenze politiche e religiose, che hanno approfittato dell’ignoranza, per gettare radici cosi profonde del male, da ingannare anche chi ignorante non è, la loro ignoranza è la stupidita dettata dalla loro indolenza. Tutto questo ha fatto il suo tempo,per questo più li lascerete al potere, e più si avvicinerà la fine di tutto, fa da spia la crisi mondiale, creata per cupidigia ,anticamera della fine di tutto. L’unico antidoto è il sogno utopico che diventa realtà, rispecchiando cosi il volere di chi ha creato un mondo perfetto. Dominato dalla gente più imperfetta che esista sulla faccia della terra. L’utopia è il messia del terzo millennio , dove quell’uno per cento che domina il mondo, cederà il passo al nuovo, privo dell’interesse dei pochi ,ha beneficio di tutto il mondo, unito in un solo credo la fratellanza . scusami se ti ho annoiato, ma noi ignoranti con pochi vocaboli ci ripetiamo allungando lo scrivere per spiegare il nostro pensiero. Ti auguro un buon giorno. Nessuno1

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop