25 ott 2011

Come hanno tentato di truffarmi e minacciarmi.

Ebbene sì, ogni tanto ci riprovano e pensano che sono fesso. Basta molto poco per scovare questo tipo di truffa.



(1) L'indirizzo email di provenienza può far subito insospettire. Poste Italia. Non esiste nessun Poste Italia. Semmai Poste Italiane. Ma Poste Italia proprio no. Basta solo questo per farvi insospettire.
 
(2) La mail inizia è spersonalizzata. Se qualunque azienda vi spedisse un email per chiedervi informazioni sui vostri dati direbbe: Gentile Dottor Tal dei Tali. Visto che per aprire un conto alle poste servono i documenti, nome e cognome dovrebbero conoscerli.
 
(3) Pseudo minaccia sulla scorta di un contratto inesistente: articoli 135 e 137/c non esiste da nessuna parte. Vi immaginate un modulo di apertura del postepay con 137 clausole contrattuali? Manco doveste comprarvi tutta l'Alfa Romeo!!
 
(4) Articolo 415 del c.p.p.? Norme antiriciclaggio? Ma mi chiedo se sanno di cosa parlano o se le hanno messe a cacchio? Tralasciando la dubbia formulazione della frase in italiano (altro sintomo di bufala):
 
(a) ammesso che l'articolo 415 sia del c.p.p. non c'entra un kaiser, in quanto fa riferimento al comportamento che deve tenere il PM nel caso di indagini su un reato commesso da persone ignote. Il 415 bis, invece, riguarda l'avviso all'indagato della conclusione delle indagini preliminari nel caso in cui si celebri l'udienza preliminare. Niente a che vedere col caso nostro.
 
(b) La legge antiriciclaggio più regente è del 2004, e riguarda: movimentazioni finanziarie od immobilari o pagamenti sopra i 12500 euro. Qua si contestano dati erronei.
 
(c) Semmai il reato è quello di dichiarazioni mendaci, ex articolo 76 DPR 445 /2000. Tutta un'altra storia.
 
(5) Dopo aver fatto click su quel link, che probabilmente vi infetterà il pc, e dopo aver fornito user e password del vostro conto, magari fate anche piccoli versamenti (in modo tale che danno meno nell'occhio) sul vostro conto. Questo appare interpretanto lo sgrammaticato italiano seguente agli asterischi in fondo alla mail. Poi collegatevi tra 3-5 giorni, vedrete se non son fuggiti col malloppone!!
 
(6) Sono sicuro, poi, che è una truffa, casomai non vi abbia convinto, perhé NON HO ALCUN CONTO ALLE POSTE.
 
(7) Non siete convinti? Beh intanto andando sul sito di Poste Italiane, vedrete che:
 
(a)  ci sono tutte, ma proprio tutte, le caratteristiche qui elencate.
 
(b) L'email, poi, è arrivata al mio indirizzo privato, che è quello presente anche sul blog, e non alla mia email di poste.it (mail che non ho).
 
(c) L'oggetto contiene la dicitura [SPAM] tipico di mail pubblicitarie, mentre le comunicazioni personali tra soggetti non dovrebbero contenerle.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop