07 set 2012

Addio contanti: l'unico metodo per sconfiggere l'evasione fiscale. Checchè ve ne dicano.

La proposta del Governo Monti, in sintesi, dice addio ai pagamenti in contanti per i pagamenti sopra i 50 euro. 


E giù le solite bufale e le solite stupidaggini di chi non capisce mai un fico secco e pretende di parlare giusto per dare fiato alla bocca e farci passare un po' d'aria.


Fatevene una ragione: l'unico modo per eliminare l'evasione fiscale è la tracciabilità dei pagamenti. Più il limite è basso più l'evasione fiscale si riduce. E chiunque, con la scusa che Monti fa il gioco dei banchieri o - peggio - che non vuol vivere in uno stato di polizia fiscale - non riesca a comprendere questo semplicissimo meccanismo, o ha qualcosa da nascondere o semplicemente non ci arriva. In entrambi i casi, amici cari, è alleato degli evasori infami.

E casomai non lo sapeste, l'evasione fiscale - cioè soldi di tasse che non entrano nelle casse dello Stato, cioè soldi che sarebbero della collettivià - ammonta a 120 miliardi di euro l'anno. 

Chi, quindi, si oppone alla tracciabilità, nella migliore delle ipotesi è moralmente responsabile di 120 miliardi annui che mancano nelle casse dello Stato e non fa altro che favorire gli evasori fiscali.


SOMMARIO DELLE BUFALE PIU' FREQUENTI.
(1) Non voglio vivere in uno stato di polizia fiscale.
Vivi in uno Stato dove la polizia è municipale, provinciale, regionale e statale; in più ci sono i Carabinieri e l'Esercito e rompi le balle sui controlli fiscali?

(2) Negli altri paesi non fanno così.
Negli altri paesi sono più onesti di noi e non evadono 120 miliardi di euro l'anno.
(3) Facciamo un favore alle banche.
Estiquartzi ce lo metti? Taccagno che non sei altro, ci rimetti pochi spiccioli l'anno e rompi le balle?

(4) Non voglio dare conto di quello che faccio ...
Prenditela con chi evade le tasse. Se non ci fossero evasori non sarebbe il caso di controllare. O ti lamenti anche se ti fermano i carabinieri per controllare patente e libretto mentre vai a mangiare il tuo piatto preferito?

AGGIUNGO LE CONSIDERAZIONI (ERRATE) DI SKEPTIC E LE MIE RISPOSTE
(5) Costringere tutti a munirsi di POS per leggere bancomat e carte di credito sarà la morte del piccolo commercio, soprattutto ambulante, considerando anche che molti non avrebbero modo di connettersi alle reti tecnologiche.
Mi pare fin troppo ovvio che la rete tecnologica - laddove non fosse idonea - dev'essere adeguata, potenziata e migliorata. Nessuna spiegazione del perchè costituirebbe la morte del piccolo commercio, che peraltro già da tempo è moribondo a favore delle catene di supermercati.  Al di là della spesa iniziale, e di costi annui facilmente ammortizzabili non vedo altro.

(6) Per ogni utilizzo di carte le banche si pigliano una commissione. Va bene per grossi pagamenti; ma vai a prendere un giornale o un caffè al bar e lo paghi tre euro? 
L'idea di imporre per legge al di sopra di una certa soglia solo i costi di commissione non ti sfiora?

(7) Moltissima gente non ha e non avrà mai bancomat o carte di credito: che fanno, muoiono di fame oppure chiedono la carità?
Chi non ha la carta di credito banalmente se ne procurerà una: mi sembra un sacrificio accettabile visto che - in quanto parte della collettività - trarrà enorme beneficio dall'enorme ridimensionamento se non dell'azzeramento dell'evasione fiscale.

(8) Il turismo dall'estero (che ormai è quasi l'unica forma di turismo in Italia, visto che gli italiani di soldi non ne hanno più) morirebbe di botto. Ti immagini di obbligare un turista a pagare anche le più piccole stronzate con una carta di credito?
Visto che l'Italia è al 23° posto per possesso di carte di credito, penso proprio che chi venga in Italia, per la maggior parte, sia già abituato ad utilizzare la carta di credito. Calcola che tra i principali turisti stranieri in Italia, troviamo spagnoli, giapponesi, cinesi, tedeschi, statunitensi e francesi: inutile dire che ci precedono nella detta classifica di possesso di carte di credito.

(9) Tempo per pagare in contanti: pochi secondi. Tempo per pagare col bancomat: tre minuti. Tempo per pagare con carta di credito: un quarto d'ora, compresa presentazione di documenti e firma della ricevuta. Moltiplica tutto questo per le migliaia di persone che ogni giorno vanno a fare la spesa al supermercato, e aggiungici il fatto che tutti i supermercati stanno tagliando il personale. Vedrai che putiferio.
Si magari assaltano la Bastiglia. Quando poi riesci ad abbassare le tasse per tutti vedi che tutti si presentano con i documenti in duplice copia.

(10) Se si guasta qualcosa (il POS si ubriaca, il sistema va in palla, ecc...) e tu hai comprato l'indispensabile per vivere, ti trovi a non poterlo pagare in nessuna maniera; che fai, tiri fuori una pistola e te ne vai senza pagare? Oppure torni a riporre tutte le merci sugli scaffali e te ne vai a suicidarti prima di morire di fame?
Se ti trovi in un supermercato avrai di sicuro più casse e quindi più POS. Se sei dai piccoli commercianti con ogni probabilità si può verificare una delle tre condizioni:
(a) il commerciante ti conosce, si fida e ti fa pagare quando il POS ritorna in sè;
(b) il commerciante non ti conosce o non si fida, ma tu sei previdente e anche se non farai la spesa non morirai di fame;

(c) non sarà il solo piccolo commerciante che può fornirti da vivere.
Visto e considerato che comunque parliamo di casi eccezionali, vedo che è un disagio minimo rispetto ai vantaggi che si ottengono.

(11) dulcis in fundo, il grosso di movimenti illegali di capitali e di evasione fiscale NON AVVIENE tramite contante, ormai da parecchio tempo. Credi davvero che gli evasori fiscali girino ancora con le valigette piene di banconote, come avveniva nei film anni '50? Tsè. Aggiornati e vedrai che, in caso sparisse il contante, l'evasione fiscale e altri crimini connessi al denaro semmai aumenterebbero a dismisura.
Se parli dei conti correnti esteri la soluzione sarebbe trasferire la tassazione dal patrimonio monetario al patimonio immobiliare. Non importa dove hai il tuo conto corrente ma interessa la casa. Al di sopra di una certa metratura, paghi proporzionalmente alla grandezza.

Ma ovviamente i ricconi con i superattici non son d'accordo.
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

16 commenti:

  1. infatti in USA il contante non lo usa nessuno...

    RispondiElimina
  2. Abolire il contante è e continua ad essere una boiata pazzesca.
    - Costringere tutti a munirsi di POS per leggere bancomat e carte di credito sarà la morte del piccolo commercio, soprattutto ambulante, considerando anche che molti non avrebbero modo di connettersi alle reti tecnologiche;
    - Per ogni utilizzo di carte le banche si pigliano una commissione. Va bene per grossi pagamenti; ma vai a prendere un giornale o un caffè al bar e lo paghi tre euro? Ma andiamo!
    - Moltissima gente non ha e non avrà mai bancomat o carte di credito: che fanno, muoiono di fame oppure chiedono la carità?
    - Il turismo dall'estero (che ormai è quasi l'unica forma di turismo in Italia, visto che gli italiani di soldi non ne hanno più) morirebbe di botto. Ti immagini di obbligare un turista a pagare anche le più piccole stronzate con una carta di credito?
    - Tempo per pagare in contanti: pochi secondi. Tempo per pagare col bancomat: tre minuti. Tempo per pagare con carta di credito: un quarto d'ora, compresa presentazione di documenti e firma della ricevuta. Moltiplica tutto questo per le migliaia di persone che ogni giorno vanno a fare la spesa al supermercato, e aggiungici il fatto che tutti i supermercati stanno tagliando il personale. Vedrai che putiferio.
    - Se si guasta qualcosa (il POS si ubriaca, il sistema va in palla, ecc...) e tu hai comprato l'indispensabile per vivere, ti trovi a non poterlo pagare in nessuna maniera; che fai, tiri fuori una pistola e te ne vai senza pagare? Oppure torni a riporre tutte le merci sugli scaffali e te ne vai a suicidarti prima di morire di fame?
    - dulcis in fundo, il grosso di movimenti illegali di capitali e di evasione fiscale NON AVVIENE tramite contante, ormai da parecchio tempo. Credi davvero che gli evasori fiscali girino ancora con le valigette piene di banconote, come avveniva nei film anni '50? Tsè. Aggiornati e vedrai che, in caso sparisse il contante, l'evasione fiscale e altri crimini connessi al denaro semmai aumenterebbero a dismisura.
    Quindi, a te e a tutti gli entusiasti che guardano con buon occhio la sparizione del contante: fatevi furbi, abbandonate il vostro paradiso dorato dove tutto va secondo le regole e tornate coi piedi sulla Terra!

    RispondiElimina
  3. Ho risposto aggiornando il post per non intasare i messaggi.

    RispondiElimina
  4. Risposta alle tue contro-obiezioni, in ordine:
    5) E come puoi imporre l'adeguamento, il miglioramento, il potenziamento di una rete tecnologica laddove non esiste? I piccoli paesi non sono le grandi città.
    6) I governi, che purtroppo ultimamente sono schiavi delle banche, non imporranno mai una soglia per le commissioni; in ogni caso le banche non la applicherebbero (e nessun governo riuscirebbe a imporglielo, a meno di non nazionalizzarle tutte).
    7) Aridajje con l'evasione. I grossi movimenti illegali di capitale sono attuati per vie tecnologiche ormai. E chi non ha mai avuto la necessità di una carta di credito troverà un'imposizione del genere l'ennesimo insopportabile balzello.
    8) Dai paesi citati la stragrande maggioranza dei turisti arriva qui senza carta di credito; vivo in una regione turistica, dove per la maggior parte i turisti sono francesi, tedeschi, svizzeri; non ne vedi uno pagare con carta di credito nei negozi e nei supermercati. Tutti tirano fuori le loro belle banconote.
    9) La tua risposta è un non sequitur. I tempi sono quelli: cronometrati di persona. Contanti: fa tot. Dai le banconote, ti danno il resto, finita. Bancomat: passa la tessera nel POS. Ripassala, perché metà delle volte non la legge. Batti il PIN. Aspetta che abbia concluso la transazione. Che due palle. Carta di credito: passa la carta. Aspetta e riaspetta. Carta riconosciuta, bla bla bla. Stampa della ricevuta. Tira fuori la carta d'identità e falla controllare a chi riceve i soldi. Firma la ricevuta. Ancora attesa. Che quattro palle. Se non semplificano le procedure per i pagamenti elettronici, la gente continuerà a preferire il vecchio e rapido sistema ecco i soldi, ecco il resto, grazie e arrivederci.
    10) Per quanto riguarda i supermercati: solo ieri ero a far la spesa e si è incriccato il server principale del supermercato. Le casse sono autonome solo per i pagamenti in contanti; tutti quelli che pagavano con carte si son trovati bloccati per più di un'ora.
    Per quanto riguarda i piccoli commercianti:
    a) Il commerciante non fa credito, perché è già stato fregato troppe volte proprio da chi conosce;
    b) Sei il classico poco previdente (cioè, la stragrande maggioranza della popolazione) e adesso sei nelle canne;
    c) La città più vicina è a 30 km di distanza, e dai paesi vicini vengono lì nel tuo a fare la spesa; non ci sono mezzi pubblici e tu non hai la macchina;
    Guarda che questi non sono "casi eccezionali". Esci dalla grande città dove vivi, vai a dare un'occhiata nei paesotti imboscati e scoprirai un mondo completamente diverso da quello che conosci.
    11) Hai parlato di patrimoniale? Qui? Dove i ricconi coi superattici fanno il bello e il brutto tempo? Hahaha.

    RispondiElimina
  5. Rispondo per concetti: il fatto che si possa migliorare la rete, la tecnologia ed i tempi dei pagamenti elettronici non fa sì che l'idea sia sbagliata. Altrimenti sarebbe stupida la gente che, potendo scegliere, usa la carta di credito.

    E', parimenti, fin troppo ovvio che la tendenza dovrà essere quella di limitare il più possibile i problemi tecnici che possono sorgere. Ma non è molto diverso da quando devi aspettare che la cassiera trovi il resto che non ha, o quando si bloccano le casse.

    Se c'è una legge va rispettata: ricco o povero che tu sia. Partire prevenuto come fai tu, significa autorizzare la convinzione già troppo radicata che, non solo, chi è ricco fa i fatti che vuole, ma chi vuol far rispettar la legge è anche sfigato.

    Se le persone non sono previdenti è giusto che lo diventino, visto che se la conseguenza dev'essere 120 miliardi di evasione fiscale è un costo sociale troppo elevato. E' il caso di darsi una svegliata.

    Non so quanti vengano senza carta di credito, ma confondi tra obbligo e scelta. Se saranno obbligati, vedrai che tutti useranno la loro brava carta di credito.

    Ah dimenticavo: quando si tratta di social card, tessere di fidelizzazione con presunti risparmi, concorsi a premi, ricariche di cellulari son tutti ipertecnologici. Quando si tratta di sconfiggere l'evasione si trovano migliaia di complicazioni.

    RispondiElimina
  6. Vorrei quotare le obiezioni di Skeptic per quanto riguarda i tempi di attesa, lavoro in un bar e quando, dopo il pranzo, si alzano tutti insieme e hanno fretta di tornare al lavoro, se pagassero tutti con la carta (e per fortuna che adesso il pos funziona, c'è voluto un mese di disguidi per sistemarlo), tra il primo e l'ultimo a pagare passerebbe almeno un quarto d'ora, direi che è un servizio di qualità inaccettabile (non puoi metterci quasi di più per pagare che per mangiare).
    Questa teoria potrebbe funzionare se supportata da adeguate infrastrutture, inoltre andrebbero abolite le commissioni, che non sono solo quelle a carico del titolare della carta.
    Un'ultima considerazione: con la classe dirigente che abbiamo in Italia, non solo è impensabile che si adoperino per frenare davvero l'evasione, dell'adeguamento tecnologico e del toccare gli interessi delle banche non parliamone proprio, ma, se si trovasse comunque un modo, anche con la bacchetta magica, per azzerare l'evasione e, poniamo, raddoppiare le entrate fiscali, credi veramente che questo porterebbe a una diminuzione della tassazione? Io propendo più per il raddoppio delle ruberie e delle clientele, con tassazione sostanzialmente invariata.
    Mi sembra la favoletta del software che costava tanto perchè c'era la pirateria, poi è arrivato il CD-ROM e per un bel po' di tempo i masterizzatori non erano accessibili dal grande pubblico, ma i prezzi dei programmi hanno continuato ad aumentare regolarmente come se niente fosse successo, si parla di un periodo di almeno tre-cinque anni, anni novanta, nei quali la pirateria era di fatto azzerata.

    RispondiElimina
  7. Non nego che vi possano essere dei problemi tecnici, possono verificarsi in ogni ambito della vita umana, ma da un lato un po' di tolleranza ed organizzazione, dall'altro un potenziamento delle infrastrutture, oggettivamente arretrate, sono convinto che porterebbe risultati enormi

    RispondiElimina
  8. Sandro, tu sai che apprezzo molto quello che scrivi e ti reputo una persona molto intelligente e acuta, però stavolta non sono d'accordo con te. Non nelle premesse e nemmeno nelle conclusioni, che reputo anche giuste, ma nella concreta fattibilità. In altre parole, quoto Skeptic e anche Johnny Dio.
    Un piccolo esempio: la soglia delle commissioni. Si ventilò mesi fa di abolirle (o di ridurle, non ricordo davvero) e ti ricordi l'alzata di scudi, le dimissioni del presidente dell'ABI, le urla fino al cielo? Ti sembra, sinceramente, una cosa che possa mai essere realizzata?
    Poi sul patrimonio immobiliare: comprano casa all'estero e ciao ciao. Alle Bahamas è pieno di ville di italiani (uno in particolare), non sarebbe meglio invece dare più fondi alla GdF e alle Procure per poter disporre di tecniche migliori per fare sti benedetti controlli? (no, non mi riferisco agli scontrini nei bar, che pure vanno controllati, e nemmeno a quella volta all'anno che fanno le maxiretate a Cortina e poi per 364 giorni tutto va come sappiamo sempre, l'importante è aver buttato un exemplum in pasto al popolo bue)
    Magari con norme meno restrittive sulle intercettazioni? Ops, le vogliono abolire o quasi...
    Sandro Sandro, ti candidassi ti voterei. Ma sarei il solo a votarti. E saresti solo nei palazzi in mezzo a gente che rema contro.

    RispondiElimina
  9. Demart ti ringrazio per i complimenti. In generale intavolare un dialogo lo trovo comunque sempre proficuo. Peraltro la finalità di questo post era proprio far riflettere sul tema più che avere la pretesa di aver trovato la panacea di tutti i mali.

    Concordo col fatto che sarei solo in mezzo a gente che rema contro ... e probabilmente questo rende molto più difficile l'applicazione di misure (non necessariamente questa) che riducano effettivamente l'evasione fiscale.

    RispondiElimina
  10. Salve tutti!? Se lo Stato sa che mancano 120 miliardi di euro di evasione,perchè non va direttamente nelle case di costoro? Ma sempre a pagliacciare stiamo? Se veramente,le tasse non si pagassero,come si mantengono:fannulloni,quartieri,comuni,province,regioni,Italia,auto blu,vitalizi,pensionati,magistratura,parlamento europeo,3,500 milioni di fannulloni,sanità,testate"Il corriere delle sera,quanti sovvenzionamenti percepisce?",continuo all'infinito,ma non ho il tempo.(BAT) DamyEku(Ha!!! sicuramente questa opinione verrà censurata" é nel vostro DNA.

    RispondiElimina
  11. A sapere i nomi e i cognomi sarebbe molto più faile. Se tu li sai, faresti un favore alla collettività.

    Per il resto leggo solo sciocchezze in sequenza, non ultima quella che verrai censurata. Non so che gentaglia frequenti, ma qua siamo persone civili che pur in presenza di opinioni diverse dialoghiamo civilmente. Tant'è che non sei stato censurato.

    E poi nel vostro di chi?

    RispondiElimina
  12. Grazie,Sandro!!! E...chiedo scusa per un'intuizione non garbata verso di LeI.E'la prima per me in questo blog.Anzi,non ne frequento"Che sol quello di Marcello FoA".Comunque,la collettività,ha già tanti privilegi,forse non ha capito che il privato non la sopporta più!!!Basta lavorare per agiare altre famiglie,mentre chi paga le tasse"Per mantenere tutto lo schifo inutile" si scorda anche di percepire la misera pensione se vivrà.Scusi ancora.(BAT) DamyEku

    RispondiElimina
  13. Non c'è nessun problema. L'importante è capirsi. Tutte le opinioni sono bene accette purché espresse con educazione.

    Spero che ritornerà presto qui.

    RispondiElimina
  14. Ciàcià,sandro.più di una volta mi è successo che ritirando dei soldi"Miei" in banca,mi sono sentito dire;i computer non funzionano:per tre giorni è successo,e...oltre ho perso tre giorni lavorativi,meno male facevo un lavoro privat,altrimenti,non so cosa sarebbe successo.Sandro,badi bene che TUTTI i computer erano bloccati.quindi,il banco mat è nna presa per il KIULL,ma non per le banche.Un'osservazione,se fallisce un privato,lo Stato se ne frega,e ci può stare,se l'imprenditore ha sbagliato investimenti,ma se fallisce una Banca,perchè i contribuenti la devono aiutare con i propri soldi? E...in che Banca sono finiti i soldi di tutte le tasse che ci ha imposto MONTINERO?.Gli americani contribuirono a salvare le banche per 700 miliardi salvataggio,a domande tipo:dove sono finiti i soldi,nessunoa banca di 21 ha saputo dare una risposta concreta.(BAT)

    RispondiElimina
  15. Anche alla posta i terminali vanno in tilt. Succede. Ma non sono d'accordo a considerarlo una presa per il culo.E che facciamo, ritorniamo all'età della pietra perchè la tecnologia ogni tanto va in tilt? Bisogna anche fare il conto costi/benefici. E bisogna sforzarsi di trovare tecnologie sempre più affidabili.

    Le domande su come vengono spesi i propri soldi sono - invece - perfettamente legittime. Solo che io non lo so.

    RispondiElimina
  16. Visto la tecnologia FURBA e STUPIDA che ci impongono in questa era,meglio tornare alla pietra.Infatti,Fidel Castro ritornò alla rato per creare più posti di lavoro.No che io voglia tornare all'andrè,ma se la tecnologia più avanti va e più STUPIDA ce la creano credo valga la pena.Ciàcià Sandro(BAT) DmyEku

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop