21 nov 2012

Redditest, tracciabilità ed informatica.


Potete dirmi quello che volete ma l'unico modo per consentire l'azzeramento dell'evasione fiscale è una fortissima tracciabilità. Voglio anche concordare sul fatto che sia noioso pagare mezzo chilo di pane con il bancomat o con la carta di credito, ma il concetto valido rimane quello. E non rompete i coglioni che ci si ritrovi in uno stato di polizia tributaria, perché se ci ritroviamo in malora è per buona parte anche colpa di chi non paga le tasse. Prendete anche loro a pedate nel culo.

Vogliamo arrivarci per gradi? Va bene. Vogliamo consentire che per i prossimi 10 anni le persone con più di 80 anni possono comunque pagare in contanti fino a 100 €? Va bene. Vogliamo comunque consentire a tutti pagamenti in contanti entro 50 euro? Vi accontento.

Ma già nell'arco di pochi mesi potrebbe essere operativo un sistema che traccia i pagamenti della stragrande maggioranza delle persone, ultraottantenni a parte, e  che consenta all'agenzia delle entrate di spedire il modulo delle tasse già compilato con un'ottima approssimazione. 

Al contribuente onesto non rimane che andare a pagare, o contestare, carte alla mano, un errore avviando un contenzioso. Chi non paga - oltre certi limiti di valore e di recidività - può tranquillamente vedere i propri beni pignorati fino ad un valore doppio della somma dovuta.

Il fatto è che siamo nel terzo millennio e sinceramente non riesco a sopportare l'arretratezza. Se voi sì, allora non lamentatevi che in Italia le tasse sono alte.

2 commenti:

  1. E bravo... e se devi pagare le olgettine come fai?

    RispondiElimina
  2. Hai ragione sono proprio fuori dal mondo .... sarà che non ho bisogno di pagarle :-D

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop