10 mar 2013

Angela Bruno, Silvio Berlusconi e i postumi della festa della donna.

BERLUSCONI SI TOCCA ...
SE LO FACESSE UN OPERAIO
SAREBBE DI CERTO
UN CAFONE
Ritorno sulla festa della donna perché ci sono un paio di cosucce che vorrei ancora sviscerare. Ho ripensato ad Angela Bruno, la dipendente della Green Power oggetto delle battute volgari di Berlusconi.

Ebbene, senza per questo dire che la gag di Berlusconi e Angela Bruno sia stata esilarante, è più esilarante un becchino che racconta barzellette, anzi ho trovato quelle battute degne di un postribolo di quart'ordine, occorre dire che quel caso è anche paradigmatico di come talvolta ci siano donne che amano svendersi solo per piaggeria verso il potente di turno.

Angela Bruno, in quella situazione, è apparsa sinceramente divertita. È apparsa felice di compiacere il potente di turno. La spalla perfetta di Berlusconi. Quando ha capito, poi, che in realtà aveva fatto una figura barbina, ha cominciato il piagnisteo, provando a spacciarsi per la Santa Maria Goretti de noantri.


Quella di Angela Bruno è stata nient'altro che piaggeria verso il potere. Non la prima e non l'ultima a far così. Piaggeria che assume i toni della prostituzione intellettuale allorquando frequenti persone solo ed esclusivamente per il loro status sociale, per le cene o la discoteca offerte, o per farti mantenere con un certo tenore di vita. 

Se un certo comportamento dà fastidio, dà fastidio subito, non quando la folla mormora. E nel comportamento di Angela Bruno niente lasciava trasparire imbarazzo, se non la logorrea postuma. 

Ed allora, se è vero come è vero che nulla di nulla giustifica la violenza fisica sulle donne  - altro che vestiti scollati come qualcuno disgraziatamente afferma - è anche vero che il contegno è la prima forma di rispetto verso se stessi. E non è detto che il contegno si manifesti solo con una pizza in pieno volto.

A volte basta solo evitare di ridere ad una battuta squallida. Anche se capita in un giorno diverso dalla festa della donna.

4 commenti:

  1. sono completamente d'accordo.

    RispondiElimina
  2. In Italia, più che in altri Paesi, c'è una forma di prostituzione senza sesso, che è quella prostituzione dell'immagine che tante donne danno di sé. Gli piace, insomma, vedere che la loro presenza eccita o compiace l'uomo di turno e sfruttano questa situazione per ottenere favori. E' un po' come quando a scuola il nerd di turno faceva i compiti alla più bella della classe pur di far vedere agli altri, alla società, che lei lo considerava e magari passava qualche minuto con lui. Questa forma di prostituzione dell'immagine è presente in ogni ambito sociale e spesso, pur in modo inconscio, le donne la mettono in atto.
    Il caso della Bruno non è certo il primo di questo genere, solo che nel suo caso ha fatto scandalo perché c'era Berlusconi. Fosse stato un altro uomo, avrebbe invece ricevuto i complimenti degli amici e lei sarebbe stata invidiata dalle amiche.

    RispondiElimina
  3. Molto probabile che possa finir così. Il fenomeno, lontano dai riflettori, è molto più diffuso di quello che si pensa.

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop