20 lug 2013

Il ministro che non sapeva di sapere.

Angelino Alfano ci ha raccontato di un corto circuito in cui i flussi informativi ascendenti e discendenti sono saltati. Ma poi spunta fuori un cablo (1, 2) che lo inchioda. Già fino a qualche ora fa, bastava chiedersi come mai l'ANSA sapeva della deportazione pochi minuti dopo che questa fosse avvenuta, e non il Ministro degli Interni.

Poi il Partito Democratico, al Governo decide di non votare la sfiducia ad Alfano, ma poi invitano contestualmente a dimettersi perché è "...dovere dei servitori dello Stato". 

Ma se parate il popò del ministro che diceva che non sapeva, e che a quanto pare invece sapeva, e che non intende dimettersi quando invece dovrebbe, perché così fanno i servitori dello Stato (implicitamente dicendo che non è un servitore dello Stato), poi non meravigliatevi che il Partito Democratico si ritrova a governare con chi aveva giurato (e spergiurato) di non governare mai.
 

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop