26 set 2013

La Barilla e gli omosessuali.

La politica commerciale della Barilla è chiara, ormai: preferiscono la famiglia tradizionale a quella omosessuale quindi niente gay nelle loro pubblicità. Chi non è d'accordo compri altro. Non la condivido, beninteso, ma è chiarissima. Lapalissiano che chi non è d'accordo compri altro.

Piuttosto tutti coloro che adesso si sperticano su twitter nel #boicottabarilla tra una settimanella, passato l'hashtag e la possibilità di un facile retweet, avranno cambiato marca magari spendendo qualcosina in più? O si saranno dimenticati di questa discutibile politica commerciale mentre s'ingozzano con un sugo pronto o un'amatriciana?

No perché solo nel primo caso - cioè nel caso di un costante e collettivo boicottaggio per i prossimi mesi - avrà senso tutto ciò. Se no sarà solo la conferma - se ce ne fosse bisogno - di quanti pecoroni ci sono. E non è detto che la cosa non sia meno indegna della politica commerciale della Barilla.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop