29 set 2013

Poi dici che la cultura non dà da mangiare...

Venerdì sera si è tenuta una cena - al modico costo di ventimila euro - dentro l’anfiteatro di Pompei. L’Osservatorio Patrimonio Culturale è stato costretto a inviare una lettera al ministro Massimo Bray: «È il modo giusto per valorizzare gli scavi e fare incassare qualche migliaio di euro alla soprintendenza o piuttosto è il modo peggiore per svendere e ridicolizzare un bene pubblico tutelato dallo Stato e riconosciuto dall’Unesco quale patrimonio dell’umanità?».

Difatti, la Soprintendenza per arrotondare noleggia gli Scavi per eventi privati anche al fine di reinvestire in ristrutturazione. Poi dici che la cultura non dà da mangiare.








Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop