09 mag 2015

Il fenomeno Grilloleaks

È delle ultime ore la notizia alcune registrazioni – sia audio che video – in cui Beppe Grillo parla apertamente del suo partito. 


Il sito - ora non raggiungibile - aveva pubblicato alcune registrazioni fatte durante un incontro tra Beppe Grillo e alcuni suoi parlamentari, avvenuto il 27 novembre 2014 (alcuni di questi audio sono rinvenibili qui mentre qui il video integrale).

Tante sono le possibilità in gioco: intanto che a pubblicare i file – o perlomeno a registrarli – sia stato un parlamentare o un ex parlamentare del Movimento 5 Stelle. I sospetti si sono concentrati su Artini, espulso dal Movimento per non aver restituito parte dello stipendio, versione fortemente contestata dallo stesso Artini.

Ma anche sul nome c'è da riflettere: queste registrazioni sono state pubblicate su grillo-leaks.com, registrato da un utente che ha usato il nome “Paolo Casta”, il nome dice tutto e sembrerebbe quasi uno sfottò: ma un altro dominio grillo-leaks risulta essere registrato a nome Giuseppe Piero Grillo (il nome completo di Beppe Grillo).

Al di là delle congetture su cui potremmo stare a riflettere, penso che forse lo stesso Grillo ogni tanto ami pure bluffare, sia quando ammise che andò a chiedere la possibilità di formare un governo a Napolitano sperando di non ottenerla sia quando ha commentato: «quando siete arrivati in Parlamento e avete votato se votare, ho riso due giorni. Mi sono detto: “È tutto finito. Cresciamo un po’”» ... a voi ogni valutazione sul concetto di trasparenza.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop