21 feb 2016

Giulio Regeni era un agente segreto?

Non ho idea di chi abbia ucciso Giulio Regeni, ma prendo con enorme beneficio di inventario tutti - e sottolineo tutti - gli articoli circa la sua prematura scomparsa dal mondo terreno. 


Il motivo è presto detto: una cosa che non ho potuto fare a meno di notare è che i genitori, volendo comprensibilmente capire le circostanze della morte del figlio, si sono affrettati a sostenere che il figlio non era un agente segreto, dichiarazione che per quanto mi riguarda lascia il tempo che trova. Un agente segreto, per mestiere, non deve far sapere che è tale, proprio perché è segreto: e le prime persone che non devono saperlo sono i genitori. Quindi, ammesso e non concesso che Giulio Regeni effettivamente fosse un agente segreto, i genitori non lo sapevano e non dovevano saperlo. Quindi può darsi anche che siano sinceri nel sostenerlo. 

Ma questo ci porta al punto di partenza: Giulio Regeni era un agente segreto? Non ci è dato saperlo, almeno non ufficialmente: anche perché, ammesso e non concesso che Giulio Regeni effettivamente fosse un agente segreto, lo Stato italiano non avrebbe alcun interesse a farci sapere ufficialmente che ha perduto un agente segreto italiano in missione all'estero. Pregiudicherebbe ufficialmente contatti, informazioni, rapporti diplomatici e chissà quant'altro. Quindi, acqua in bocca. 

E siamo di nuovo al punto di partenza: Giulio Regeni era un agente segreto? Non ci è dato saperlo, almeno non ufficialmente, nemmeno da parte egiziana: lo Stato egiziano non avrebbe alcun interesse a farci sapere che ha fatto una figura meschina lasciando impunemente infiltrare un agente segreto, e poi dovrebbe spiegare i metodi usati per scoprirlo, giustificare perché è stato ucciso e quindi punire probabilmente altri agenti segreti. E, ribadisco, se fai l'agente segreto devi rimanere segreto, a costo da rimanere immune da sanzioni penali. Chiedere trasparenza sui i servizi segreti è un ossimoro. 

Conclusione di tutto: Giulio Regeni non era un agente segreto, ma se lo fosse stato non lo sapremmo ora. Magari tra qualche anno. All'occorrenza.

2 commenti:

  1. Ammesso e non concesso che fosse stato un agente segreto credo che non lo fosse per il nostro Stato per qualche altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la sostanza del discorso non cambia anche se fosse un agente straniero: ovviamente lo Stato straniero si guarderebbe bene al momento dall'intervenire ufficialmente se così fosse, anche se ho dato per buono il dubbio base: è o non è un agente italiano?

      Elimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop