20 mar 2009

È tutta una questione di stile - Capitolo 2.

Le gaffe effettuate da Berlusconi ormai hanno fatto il giro del mondo, ma ciò che differenzia Berlusconi da Obama - per dirne solo una e per tenersi in ambito gaffe - è l'approccio successivo alla gaffe. Traggo spunto da un articolo apparso oggi su Repubblica.it in relazione ad una gaffe di Barack Obama.

Ho già post scritto un post sulla prima gaffe di Obama nel 09/11/2008 e già in quell'occasione ho segnalato la differenza di stile: Berlusconi disse che erano imbecilli coloro i quali non avevano colto la carineria insita (al punto da sembrare nascosta) nel definire Obama abbronzato; Obama, quasi contemporaneamente, non aveva esitato mezzo secondo a chiamare Nancy Reagan per scusarsi di aver detto «non voglio dare l’impressione di un momento alla Nancy Regan con sedute spiritiche».

Orbene: soprattutto quando si è una persona simpatica - Barack Obama - o quando a tutti i costi e con tutti quanti la si vuol fare - Silvio Berlusconi - c'è la possibilità (più nel secondo caso che nel primo) di commettere una gaffe.

Obama anche in quest'occasione ha dato ottima prova di sè: non solo è andato da Jay Leno, il che oggi è come se Berlusconi o Franceschini andassero scherzare da Luttazzi o da Grillo (stesso discorso per David Letterman); ma ha recuperato da una gaffe che aveva commesso. In pratica dicendo che provava a migliorarsi nel praticare il bowling, ha dichiarato che «sembrano un po' i giochi paraolimpici». Ha scherzato intanto sulle proprie ridotte capacità, ma anche sulle ridotte capacità altrui. Ebbene, siccome quando si scherza è sempre da mettere in conto che qualcuno più sensibile o meno propenso al gioco possa un po' offendersi, Obama ha avuto la sensibilità immediata di scusarsi, chiamando già sull'Air Force One tornando a Washinton, Tim Fisher presidente della "Special Olympics".

Quindi lo schema è questo: Obama scherza in ambiti in cui si può scherzare (le trasmissioni di Leno e di Letterman sono decisamente improntate sulle battute e sullo scherzo); ci riesce peraltro bene; e se teme di aver offeso qualcuno non perde un attimo per scusarsi.

Silvio Berlusconi è decisamente più egocentrico: scherza sempre e con tutti - perché lui è giocherellone - e se gli altri non capiscono, o si offendono sono gli altri ad essere imbecilli, non lui inopportuno, e quindi niente scuse.


Per ora Berlusconi batte Obama 23 gaffes a 2; Obama batte Berlusconi 2 scuse a 0.

2 commenti:

  1. ...
    potrei rispondere incollando la scritta sotto a Lascia il tuo commento "Pochi si vergognano di pensare quello che dicono"
    in realtà Berlusconi è un bambino viziato, troppo tappo per essere bullo con il fisico, così fa il bullo con le parole. E prende per il culo tutti.
    Una cosa che mi rammarica, davvero, è che nel sentito comune, molti iniziano a comportarsi così, facendosi sberleffo di tutti e tutto, sommandola a una permalosità da pavone.
    L'altro giorno, un gruppetto di ragazzi di giurisprudenza festeggiava una laurea, per le vie del centro. Gli passano davanti due ragazzi vestiti 'alternativi', con la kefiah palestinese. Nel contempo, il gruppetto, aveva iniziato goliardicamente in tono canzonatorio un "chi non salta comunista è!" ...
    Valà che vent'anni fa, queste cose, non succedevano mica.
    un saluto!

    RispondiElimina
  2. Conosco l'ambiente di legge, dato che mi ci sto laureando. Posso dirti che con la goliardata gli è andata di lusso. Diverse volte vedo che chi si presenta in modo alternativo viene squadrato da capo a piedi e considerato inesistente (se ti va vedi uno dei primi post del blog sul tema: "Passerella" del 14/06 scorso: parla proprio di questo)

    Molti si comportano così anche perché hanno esempi sbagliati: vedono personaggi pubblici (non solo Berlusconi) che si comportano in un certo modo e prendono esempio, non stando tanto a distinguere.

    Ricambio i saluti.

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop