24 ott 2012

Grandi rischi, condannati per motivi non scientifici.

Grande scalpore ha destato la condanna in primo grado dei  componenti la commissione Grandi Rischi a sei anni di reclusione a testa.


La condanna non è avvenuta, come molti erroneamente pensano, per non aver previsto il terremoto, ed emerge anche dalle carte:
“L’intento non è quello di muovere agli imputati un giudizio di rimprovero per non aver previsto la scossa distruttiva del 6 aprile 2009 o per non aver lanciato allarmi di forti scosse imminenti o per non aver ordinato l’evacuazione della città ... la scienza non dispone attualmente di conoscenze e strumenti per la previsione deterministica dei terremoti”.
La condanna deriva dall'esigenza politica “rassicurare” gli abitanti allarmati da una lunga sequenza di scosse e dai primi danneggiamenti di edifici, a partire da una scuola, non sarebbero stati condannati. Da quella riunione sono emersi - difatti - messaggi tesi a rassicurare la popolazione. Una serie di «informazioni inesatte, incomplete e contraddittorie» che giustificano la condanna.

Un'operazione mediatica, come la definì Bertolaso in una famosa telefonata con l'assessore Daniela Stati. Bertolaso testualmente diceva:
“Parla con De Bernardinis e decidete dove fare questa riunione domani, che non è perché siamo spaventati e preoccupati, ma è perché vogliamo tranquillizzare la gente“.
E' questo il busillis. 

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop