28 dic 2013

L'“amicizia” virtuale e l'“amicizia” reale.

Riflettevo, innanzitutto, su quanto sia inadeguato utilizzare, su Facebook, il termine “amici” al posto di “contatti”. Solo in un secondo momento è possibile, allo stato attuale, distinguere tra “amici”, “conoscenti” e via dicendo. 


Non so voi, ma in tutto questo vedo un certo svilimento del sentimento dell'amicizia, non tanto per chi come me è nato e s'è fatto amici - quelli veri - ben prima di Facebook, ma per i nativi digitali che saranno necessariamente condizionati e vedranno, probabilmente, gli amici come quelli del social e non come coloro con cui andare a giocare a pallone al parco.

La cosa non è da sottovalutare, se considerate che Facebook ritiene che l'età minima consentita per accedere al social è 13 anni. Possiamo, quindi, dedurre che per Zuckenberg & co. l'età in cui un soggetto è capace accedere a Facebook è di molto inferiore rispetto all'età in cui, in gran parte del mondo, si diviene legalmente maggiorenni.

Senza contare che tale limite, con contestuale divieto ad età inferiori di accedere a Facebook, è di pressoché scarsissima efficacia, visto che – come purtroppo in pratica accade – anche un bambino può accedere al social senza che vi sia alcun controllo sul fatto che egli abbia inserito dati fittizi.

Anche se non si vieta l'uso di Facebook ai ragazzi (ma a 13 anni forse si è ancora troppo piccoli per tutta una serie di problematiche) per accedere da soli ai social, quanto meno mi vien da sperare che si insegni ai ragazzini almeno il valore dell'amicizia, quella vera, prima di accedere a Facebook, e non dopo.

2 commenti:

  1. le amicizie virtuali devono diventare reali incontrandosi nella vita reale

    RispondiElimina
  2. Potrebbe essere un'ottima cosa, in quanto contribuirebbe, a modo proprio, ad espandere le proprie conoscenze

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop