28 apr 2014

Il buon senso potrebbe salvarci

Leggo della donna morta per una dieta troppo drastica e del contestuale arresto del personal trainer che l'avrebbe mal consigliata. Sicuramente l'allenatore avrà le sue buone responsabilità, ma non posso fare a meno di chiedermi quanto abbia inciso nella ragazza la mancanza di buon senso e un forte senso di disagio.

Per quanto è vero che in alcune attività ci si fida di chi ha una qualifica che lo rende idoneo a svolgere una determinata professione, ragion per cui andiamo dal medico per farci curare e dall'avvocato per farci tutelare legalmente, dovrebbe esserci quella buona dose di buon senso e di prudenza che dovrebbe salvarci dal ciarlatano di turno.

Quel buon senso che dovrebbe sempre ricordarci - ad esempio - che non sono diete drastiche e digiuni che fanno bene al nostro corpo, ma alimentazione varia e bilanciata, attività fisica gradualmente crescente e comunque non estrema. Perché è pur vero che per curarmi vado dal medico, ma se il medico mi dice che per farmi passare la varicella devo buttarmi dal quinto piano, gli ammollo un calcio in culo e lo saluto.

Perché non so voi, ma io al posto della malcapitata donna morta, avrei salutato il personal trainer esattamente 30 secondi dopo e avrei preferito a 3 ore di sauna una bella passeggiata. Ma non posso nemmeno fare a meno anche di pensare che questa ragazza sia stata colta in un momento di debolezza, momento in cui il buon senso viene meno. È l'unica spiegazione che riesco a darmi.

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop