10 giu 2014

La peggiore delle sconfitte di Beppe Grillo

Trovo sul blog di Claudio Cerasa un sondaggio interessante dell'osservatorio Lorien Consulting, su come si sono formate le opinioni durante l'ultima campagna elettorale.


E io noto alcuni elementi che mi permetto di condividere: innanzitutto i social network hanno influito nel formare un'opinione al 21% in relazione al PD e nel 12% in relazione al Movimento 5 Stelle. Se pensiamo che gran parte della strategia comunicativa pentastellata usava il Sacro Blog di Grillo condiviso in tutte le salse sui social forse a livello comunicativo qualcosa va rivisto. Evidentemente la strategia per generare accessi al Sacro Blog porta visite ma politicamente non paga.

Il M5S spopola su Telegiornali (70%) e su carta stampata (50%): che potrebbe anche esser sintomo del fatto che Grillo & co. la sparano grossa, e giornali e telegiornali ne parlano indirettamente contribuendo a formare un'opinione.

In ultimo: manifesti ed eventi elettorali hanno inciso pochissimo: 3% per Forza Italia e 1% per PD. Domanda: a che pro tappezzare le città di manifesti elettorali, chiudere piazze per comizi, se ai comizi ormai ci vanno solo i sostenitori convinti di quel tale partito?

Analizzando sempre i flussi elettorali (sempre secondo Lorien Consuting) è interessante notare come il Movimento 5 Stelle consegna quasi 900 mila voti al PD, e forse è l'effetto Renzi che da subito si è proposto di «togliere il terreno da sotto ai piedi a Grillo che dice che non facciamo niente» ma oltre 2,5 milioni di voti sono verso il non voto.


Persone che ritenevano il M5S l'ultima speranza e a distanza di un anno son rimasti delusi: forse è questa la peggiore sconfitta di Grillo

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop