25 apr 2010

Non mi preoccupa tanto Silvio ma ...

Quando morirà Silvio Berlusconi, molti tra coloro che non condividono le sue idee, e tutti coloro che lo odiano, lo insultano e lo vogliono morto per ogni prurito di culo (scusate la finezza) saranno felici.

E invece, quando tutto sembrerà finito, dovremo preoccuparci dei vari Girolamo Gasparri, consigliere comunale di Celle di Bulgheria, che prega ogni mattina per ringraziare Dio della discesa in campo di Berlusconi.

A meno che non diventi di nuovo comunista, dovremo preoccuparci di un EX DEPUTATO ed attuale SENATORE Sandro Bondi, che dedica poesie a chicche e sia (la migliore a Silvio Berlusconi), ma al di là delle poesie, la completa e supina dedizione al grande capo che non ha difetti.

Non trascuriamo il SENATORE Cosimo Gallo che declama «Dalla ormai storica discesa in campo/ all’altrettanto riuscita scelta di campo ... dalla dura e difficile traversata nel deserto/ Quanta fatica in più ti è toccata fare/ quale, però, a questo punto per tutti la morale?/ È presto detto: con Berlusconi unica punta/ non c’è proprio nessuno che la spunta». Mi viene da rabbrividire.

Dinanzi a cotanta obiettività dimeticavo quasi Emilio Fede, DIRETTORE DI UN TELEGIORNALE il quale non ha altro dio al di fuori di Silvio. Analoga professione per Augusto Minzolini il quale confonde prescrizione con assoluzione: che sia per incompetenza, per superficialità o per piaggeria è grave. Per far contento il capo, dato il nome troppo elevato, cambierà nome, non più Augusto ma a scelta del capo si chiamerà Ermenegildo. Sconsigliato Ernesto il coglione destro, perché ricorda Che Guevara ammesso che sappiano chi sia; ed anche Evaristo che, in quanto coglione sinistro, lo lasciano generosamente al PD.

Aggiungerei anche tutti coloro che per diversi lustri non hanno alzato un dito per obiettare al Nostro e che pur dichiarandosi democratici ritengono una bestemmia qualunque critica si sostenga al capo. Tutti a pensare al complotto, ai comunisti, all'invidia. Figurarsi adesso che si presenta Fini fresco fresco e dice: scusate ma io vorrei criticare gli piglia un coccolone a tutti perché non sono abituati, anche se è sacrosanto che la posizione istituzionale di Fini è da impedimento per la politica attiva.

Quando morirà Berlusconi tutte queste persone saranno mine vaganti alla ricerca di un capo carismatico che gli dica cosa pensare, e nel frattempo, data la scarsa dimestichezza con un ragionamento serio.


Voi pensate a Berlusconi che ride al funerale di Vianello? Beati voi, io penso a queste persone, che sono molte di più di quelle che ho citato, e francamente quando ci penso mi viene la pelle d'oca; mi preoccupano quelle persone che difendono la propria parte politica solo per questo senza discutere onestamente; mi preoccupano le persone piene di pregiudizi sugli altri e anche nella vita di tutti i giorni mi mandano fuori ogni controllo: è come se non ascoltassero. Loro ti parlano, tu rispondi, e loro ti ripetono le stesse cose: non capiscono un tubo.

L'augurio per il 25 aprile che faccio a tutti è STUDIATE (ALMENO CAPITE) LA STORIA DEL -900 INDIPENDENTEMENTE DALLA SCUOLA.

3 commenti:

  1. Tranquillo, il substrato della storia d'Italia è costellato di personaggi che appena il loro dio è caduto in digrazia si sono immediatamente adoperati per trovarne un altro dinnanzi a cui prostrarsi...

    RispondiElimina
  2. Sì sì questa è una delle cose di cui non si dubita mai. Basta che non facciano troppi danni tra una prostrazione e l'altra.

    RispondiElimina
  3. chissà chi sale al posto suo quando lui non ci sarà piu speriamo non uno coe lui o un suo lecchino

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop