28 lug 2010

Sesso droga & rock and roll

La questione di tutte quelle starlette e mezze tacche beccate (ed alcune anche un prostitute per intero) a sniffare coca all'Holliwood e al The club impone una serie di riflessioni.

In primo luogo sta emergendo, oltre a Belen Rodriguez e a Francesca Lodo, un sottobosco di ragazze che vivacchiano in questo mondo di sesso droga e rock and roll per necessità o per nella speranza del successo o forse per trovare uno sballo (anche se questo tipo di sballo non riesco proprio a concepirlo). Prima ancora del fatto che coinvolga personaggi dello spettacolo, in qualche modo visibili, coinvolge tante ragazze che per lo più diventano invisibili e quindi difficilmente controllabili e quindi più difficilmente possono essere protette.

Secondariamente emerge un parallelo tra Belen Rodriguez e Morgan:  da un lato c'è uno (Morgan) che ha affermato spontaneamente che le droghe possono portare dei benefici sotto il profilo creativo e farmacologico (evinco questo dai commenti che ha fatto sul caso Belen, data ancora la diatriba sulla sua famigerata intervista: peraltro perché tutti gli inquisitori che hanno scaricato subito Morgan non hanno preteso l'audio della registrazione per le debite verifiche?). Posso lontanamente comprendere che sotto il profilo medico possa avere una base di verità, ma nutro forti perplessità sulla possibilità di utilizzare la droga per stimolare la propria creatività, in quanto penso che ci siano modi molto più salutari. D'altro canto c'è una ragazza che effettivamente è stata beccata e che se non fosse stata beccata probabilmente non avrebbe parlato, quindi questo sistema evidentemente le stava bene.

Ultimo elemento strettamente collegato al secondo (tralascio le uscite incongrue del sindaco di Sanremo): occorre stabilire se per la TV pubblica sia rilevante o meno l'utilizzo di droga. Se lo è allora anche Belen dovrebbe essere utilizzato lo stesso metro di paragone di Morgan, pur se costa in termini di spettatori e di pubblicità (Belen è in forte ascesa). Se non lo è occorre capire qual è la discriminante per cui Morgan debba essere escluso e Belen no.

Non vorrei pensare che la discriminante sia, perdonate il francesismo, che Belen è gnocca ed in ascesa e Morgan è un personaggio diretto e scomodo e, non me ne voglia, meno gnocco di Belen (ecco diciamo che non è il mio tipo).


Ascolta l'intervista di Morgan

5 commenti:

  1. Ciao Sandro, mi trovi perfettamente d'accordo. Volevo solo dirti, non so se hai avuto modo di sentirla per audio l'intervista telefonica di Morgan o solo stralci scritti, perché in realtà dice: "al limite" e conclude con il suo modo argomentativo, a volte non immediato ma raffinato, che la droga non aumenta la creatività. Giusto per chiarezza, visto che mi sembra l'abbiano già massacrato abbastanza. Poi se mi permetti ha avuto il coraggio di dire a quel fenomeno del sindaco di Sanremo di occuparsi di cose un pò più serie della moralità certa o incerta di Belem e di vergognarsi per quello che sta facendo al Premio Tenco...Grazie per lo spazio

    RispondiElimina
  2. Caro Philos chiunque contribuisca alla circolazione delle idee, delle conoscenze e delle riflessioni civili, magari anche critiche, e comunque civilmente espresse è bene accetto e troverà sempre questo spazio a disposizione.

    Sul caso Morgan ho letto quello che riportano i giornali e non ho sentito l'audio, quindi non mi meraviglia che vi sia stata una distorsione, specificamente ho tratto spunto da un articolo de Il Messaggero, sto recuperando l'audio. Per quello che mi riguarda se anche Morgan ritiene che vi siano modi migliori che la droga per aumentare la creatività sono solo contento.

    Come regola generale che adotto costantemente, non mi va di fare falsi discorsi moralistici (men che meno massacrare Morgan) perché su alcuni temi personali e delicati da un lato è facile giudicare dall'esterno, d'altro canto occorre sempre tenere presenti una pluralità di fattori che rendono la realtà complessa.

    Sul taglio dei fondi al Premio Tenco per non tagliarli al sociale, penso che la cultura debba essere incentivata e quindi auspico che si giunga a più miti consigli su questi tagli. Comunque forse c'è uno spiraglio con la regione Liguria per spostare il premio a Genova.

    RispondiElimina
  3. Ho qualche problemino a scaricare l'audio, spero voi siate più fortunati, vi aggiunto il link

    RispondiElimina
  4. L'interrogativo finale ha più di un perchè e bisogna che tutti se lo pongano... Per ora non so darmi una risposta.

    RispondiElimina
  5. Anche io non ho una risposta, ho solo dei pensieri e "supposte" meritevoli di conferme. Nel caso se pervieni a risposte più sicure, avvisami, ne trarremo tutti benefici

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop