18 mar 2011

In Giappone non è successo nulla di cui preoccuparsi ... parola di Aldo Forbice.

Forse conoscerete l'antipatia che Grillo nutre per Aldo Forbice, in quanto definì allocchi coloro i quali lo segivano sminuendo il suo operato. 

Non che sia d'obbligo essere d'accordo con Grillo, ma Forbice ha un modo tutto suo di fare pseudogiornalismo: 
- attaccare il telefono in faccia a chi ritiene che il Tg1 faccia disinformazione;

- attaccare il telefono in faccia a chi lo sbugiarda in diretta;

- attaccare il telefono in faccia, con tanto di successiva incapacità a proferire parole di senso compiuto, a chi gli ricorda dell'aumento della corruzione dall'inizio del governo Berlusconi e a chi ricorda quanto meno l'ingenuità di Bertolaso a circondarsi di gente finita sotto inchiesta;


- attaccare il telefono in faccia ad un sostenitore di Saviano;


- attaccare il telefono in faccia a chi sia perplesso sull'operato del governo Berlusconi;


- attaccare il telefono in faccia non appena si faccia notare il forte orientamento verso il centro destra dei telespettatori di Zapping ma ringraziare lusingati a tutti dicano che non ci sono filtri;

Ma ritenere che in Giappone non è successo nulla di cui preoccuparsi è fuori dalla grazia del cielo.

In ogni caso vi consiglio di andare anche sul gruppo Facebook: Vogliamo Zapping senza Forbice.

2 commenti:

  1. Aldo Forbice è un servo pavido, molto semplicemente. Al sicuro e al calduccio nella sua cabinetta di registrazione. Se venisse invitato in qualsiasi altra trasmissione (a proposito, perché non ci va mai? Non ha le palle per andarci, proprio, o nessuno lo vuole avere in mezzo alle palle?) mi piacerebbe vedere come reagirebbe ad un vero contraddittorio.
    Sarebbe istruttivo...

    RispondiElimina
  2. Caro Arcureo, sul pavido condivido in pieno, ma non so se sia un servo: so per certo che non si dimostra in grado di sostenere una conversazione degna di questo nome.

    Il suo essere pavido emerge proprio dal fatto che non esce mai dalla sua trasmissione, in cui può fare quello che crede: nelle trasmissioni altrui, laddove si confrontasse con persone preparate, rischierebbe solo di essere sbertucciato dall'inizio alla fine.

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop