07 gen 2015

Je suis Charlie.

Vignetta di Charlie Hebdo
L'assalto al settimanale satirico Charlie Hebdo è la dimostrazione di come la satira, e in genere il detto castigat ridendo mores, sia qualcosa di estremamente incisivo al punto da ingenerare reazioni talvolta così violente. 

Chi reagisce in modo così veemente - tipico dei terroristi - lascia facilmente immaginare il totale difetto di una caratteristica fondamentale: il sapersi mettere in discussione e il tollerare un'idea diversa dalla propria.

Chi non sa ridere, né sopporta critiche e sberleffi, è un potente nemico non solo della satira ma della civiltà.


1 commento:

  1. Ieri ho scritto questo post (http://bit.ly/1y0jRTp) sulla strage parigina di ‪#‎CharlieHebdo‬, perchè qualquadra non cosa...

    Quest'oggi, invece, ho voluto condividere questa mia riflessione:
    http://bit.ly/1BRZ7L2

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop