28 feb 2009

Questione di punti di vista.

In settimana ho affrontato il tema del pregiudizio in relazione all'equazione romeni/marocchini/immigrati = violentatori/stupratori/criminali. Il dato del Viminale, è sempre bene ricordarlo, indica che, almeno per le violenze sessuali nel 2008, il 60% delle violenze è stata commessa da italiani, il 7% dai romeni.

Già qui c'è un ottima ragione per cominciare a smetterla di generalizzare ogni qualvolta è un romeno a violentare una donna o un bambino. La gravità è ugualmente alta, e in modo severo devono essere processati e giudicati tutti i violentatori/pedofili.

Ma oggi credo si aggiunga un altro tassello fondamentale. Un romeno - un bambino per la precisione - lunedì scorso avrebbe subìto abusi da un italiano. La notizia è di lunedì ma emerge oggi - sabato - con cinque giorni di ritardo e con tutti i condizionali del caso (peraltro necessari) quando si accerta una verità così delicata. Non so perché ma a ruoli invertiti - violentatore romeno e donna/bambino italiani - a momenti dichiaravamo guerra alla Romania. Sarà un caso?

In realtà l'attenzione è tutta su cosa ha detto Berlusconi a Sarkozy: Ti ho presentato la tua donna. No no: hai studiato alla Sorbona. Nel frattempo a Berlusconi è morta la sorella e quindi ha di meglio da fare che rispondere a queste cose per certi versi futili.

In questo caso emerge una sorta di doppia verità sulla dipendenza da gaffe del premier: Berlusconi troppe volte ha utilizzato frasi di dubbio gusto (ne ho collezionate 23 dal 2001 ad oggi ed accetto segnalazioni), ma non sempre occorre rimarcare a parole l'inopportunità di una battuta fuori posto (anche se rimane una battuta fuori posto). Adesso a quanto pare due parlamentari (tra cui l'Onorevole Concia) vogliono denunciarlo alla Corte di Giustizia (pieno di magistrati notoriamente comunisti e scappati dagli USA all'epoca del maccartismo) per il disprezzo che avrebbe manifestato in questa occasione, ma anche quando disse ad una precaria di trovarsi un miliardario per sistemarsi.

Le comprovate e comprensibili reazioni negative della stampa internazionale di ogni colore a Berlusconi inevitabilmente servono a molto poco, così come il rilevare, seppur giustamente, come sia sconveniente per un Premier (di 72 anni, quindi non un giovanotto imberbe) non pensare a ciò che si dice.

Comunque sia se invece di vantarsi di dire quello che si pensa si pensasse a quello che si dice, probabilmente le gaffe potrebbero essere di meno.

5 commenti:

  1. Sai cosa, io ci ho pensato a sti' dati. In realtà, l'altro giorno, muovendo le tue stesse obbiezioni, in una chiaccherata, sono rimasto spiazzato. Lì per lì, ho risolto indicando un punto lontano e gridando "Ehi, guardate, c'è bigfoot" e poi me la sono data a gambe.
    Comunque, vengo al punto. L'obbiezione era:
    "Sì, ma i rumeni, in percentuale rispetto al totale della popolazione sono poche centinaia di migliaia. Gli italiani sono milioni. Quindi il 7% è un dato alto, del totale, rispetto al numero di romeni presenti."
    ...

    RispondiElimina
  2. La considerazione è anche giusta (è stata fatta anche a me ieri sera), ma va coniugata con l'ulteriore premessa che, ancorché in minoranza, la comunità romena conta comunque più di un milione di elementi in Italia non è quindi tanto sparuta.

    Secondo poi: il messaggio vorrei passasse è che non si deve mai generalizzare. Mettiamo anche che una parte rilevante dei rumeni in Italia delinque (cosa da dimostrare), non è corretto fare di tutta l'erba un fascio. Senza contare che quando è stato violentato un bimbo rumeno avrai visto le reazioni diverse della stampa.

    La cosa importante che vorrei sostenere (ed immagino anche tu se hai fatto lo stesso discorso mio) è che la tutela delle persone deboli (in questo caso donne e bambini) non va imperniata sulla distinzione razziale, nè deve avere come punto cardine ingenerare la paura, ma va basata sugli strumenti di prevenzione e di tutela più efficaci.

    Un violentatore è pericoloso indipendentemente dalla sua etnia. Secondo me è questo che deve passare, al di là dei numeri.

    Scusa la lunghezza. Dimmi che ne pensi.

    RispondiElimina
  3. Sono molto d'accordo soprattutto sul tuo ultimo passaggio. Sono certo che la paura che si sta generando è un mezzo per giungere ad una stretta sulle libertà fondamentali: dallo sciopero, alle manifestazioni, (decreto maroni) passando per le ronde e, perchè no, al presidenzialismo
    Resta il fatto, cosa che fa veramente specie, che i consensi per queste misure più demagogiche che altro, sono in salita.

    Sull'equazione rumeno=pericolo non c'è molto da aggiungere. Il fatto è che i reati ad alto impatto sociale sono questi, non la corruzione o l'aggiotaggio. Bisogna fare funzionare la giustizia, senza bisogno di riformarla. (Nonostante il codice penale ha bisogno di una bella restaurata) Ma questa, è un'altra storia. Seppur collegata.

    RispondiElimina
  4. Concordo sul fatto che il codice vada restaurato (magari ci scriverò un post) perché nel frattempo sono cambiate alcune concezioni (non quelle generali - però - tipo la personalità della pena o il fatto che non è reato un comportamento non esplicitamente considerato tale dalla legge).

    Sul resto è probabile che sia così ma mai disperare nella vita.

    RispondiElimina
  5. Ciao, ho inserito il tuo link su Mondo Contrario.
    Grazie per lo scambio, leggerò spesso il tuo blog in quanto mi sembra interessante.

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop