04 ott 2010

Come migliorare l'ambiente in pochi e semplici (ma utilissimi) passi.

Vorrei prendere tutti gli automobilisti, metterli in fila di fronte ad un muro e chiedere loro due cose semplicissime: dove abitano e dove lavorano. Dopo di che, se dalla loro casa al loro posto di lavoro possono andare a piedi o con l'autobus o con la metropolitana o con un qualsiasi altro mezzo pubblico vorrei farmi dare 1 euro per ogni giorno che usano la macchina. Diverrei probabilmente miliardario. E se, invece, si convincessero ad usare mezzi alternativi, i comuni avrebbero molti più soldi derivanti da biglietti e da abbonamenti (che quindi non aumenterebbero); il traffico e lo smog diminuirebbe, quindi non solo gli autobus andrebbero più rapidi ma anche tutti coloro che per forza devono usare l'auto (per esempio i tassisti o i rappresentanti o i medici) troverebbero strade vuote. Vorrei incazzarmi con questi automobilisti che sono solo dei produttori immuni di smog, ammorbano l'aria che respiriamo per la loro pigrizia del cacchio. Andatevene a cagare (ma andateci a piedi che vi fa bene alla salute).

Ad Alfano gli chiederei perché non si può creare il processo in videoconferenza (avete presente Skype? Bene io ce l'ho, voi?); perché non finanziare pc e personale tecnico adeguato per creare i fascicoli  e notifiche digitali che per davvero accorcerebbero i tempi del processo (la notifica per email arriva subito e non sta ad aspettare le poste italiane). Avete presente cosa significa che praticanti, avvocati, giudici, pm, imputati, clienti, insomma tutti coloro che prendono parte ad un processo possono stare comodamente a casa propria e non mettersi in auto.


Poi andrei dai sindaci delle principali metropoli e chiederei loro perché le metropolitane non sono aperte 24 ore al giorno almeno nei giorni in cui è prevedibile una maggiore movida. E chiederei anche loro perché non sostituiscono le rotatorie ai semafori e perchè questi ultimi non sono semafori con i led. E vorrei poter avere la forza di poterli costringere a prendere questi provvedimenti.


Poi andrei da Moretti, AD di Trenitalia, e gli chiederei: perché da Napoli a Bari (263 km) ci vogliono dalle 3 ore e mezzo alle 5 ore mentre da Napoli a Roma (229 km) ci vuole al massimo un paio d'ore col più fesso dei regionali; mentre per percorrere soli 210 km da Catania a Palermo ci vogliono dalle 3 alle 6 ore e 40 di treno (mentre sole un paio d'ore di macchina)?

Poi andrei da tutti i nostri politici e chiederei loro: perché non rendete obbligatorie le auto elettriche (invece di rompere le balle con gli euro 1-2-3-4-5-6 che spesso è un trucco per rottamare auto che camminerebbero bene altri vent'anni?), perché non rendete obbligatorie le lampadine a basso consumo e i giornali su carta riciclata (o meglio on line)? E la raccolta differenziata? Si potrebbe incentivare con mezzi del tipo: per ogni dieci kg di spazzatura riciclata che ci porti avrai una percentuale di sconto sulle tasse. Vedi come tutti si precipitano per pagare meno tasse.


Meno male che dal gennaio prossimo non si potranno più produrre buste di plastica (sperando che non si rinvii ulteriormente come hanno già fatto). Mi sembra pochissimo, ma sono consapevole che è un piccolo passo in avanti.

11 commenti:

  1. Al lavoro ci vado in bici, ma mi spiace deluderti, con skype le videoconferenze vere e proprie non si possono fare. (A meno che tu non intenda "tutti dietro ad una webcam da una parte e tutti dietro un'altra webcam dall'altra")

    RispondiElimina
  2. Complimenti Arcureo fai bene ad usar la bici. Per quanto riguarda Skype faccio mea culpa: pensavo fosse possibile. Ma in generale penso possa esserci un sistema in rete per organizzare una videoconferenza collettiva.

    RispondiElimina
  3. Ciao, bel discorso il tuo. Condivido pienamente. Esiste un movimento che promuove già tutto questo: il MoVimento 5 Stelle...si parla molto dell'ambiente e della nostra salute all'interno del programma. Un saluto

    RispondiElimina
  4. Caro Anonimo (!) conosco il Movimento 5 stelle e come puoi intuire ne condivido il programma

    RispondiElimina
  5. Ciao, secondo me il MoVimento 5 Stelle è l'unica alternativa a questo governo per voltare pagina una volta per tutte e migliorare l'Italia!

    RispondiElimina
  6. Il grillino ti conosce poco mi sa! :D

    Sei sempre attento a queste cose e i consigli sono sempre preziosi... Idem vale per le idee che sarebbe giusto proporre a questi politici che purtroppo non hanno interesse nei confronti dell'ecologia vera, perchè a loro interessano solo le cose su cui possono lucrare.

    RispondiElimina
  7. In effetti è un po' come dice Rospo.
    Nel senso che conosco il programma del Movimento a 5 Stelle e non mi sembra nemmeno campato in aria, ma non ci pensavo quando ho scritto il post: ho pensato semplicemente cosa potesse fare ognuno di noi in virtù del fatto che sia un semplice cittadino o un politico per provare a migliorare l'ambiente, cosa che riguarda tutti, e posto che il comportamento del singolo fa poco.

    Staff spero che sia come dici tu, perché veramente l'Italia ha bisogno di netti miglioramenti.

    RispondiElimina
  8. D'accordo su molte proposte; ma occhio alle notifiche. La notifica di multe e atti giudiziari deve essere necessariamente certa, dal giorno di notifica partono i termini per ricorsi o appelli; si rischia di trovarsi in galera senza saperne neanche il motivo. Già oggi qualche postino o portinaio o parente sprovveduto che firma per noi crea un sacco di problemi spiacevoli.

    RispondiElimina
  9. Francesco non so se sia una mezza provocazione o se tu sia serio, ma nel caso tu fossi serio posso garantirti che è matematicamente impossibile ritrovarsi in galera senza saperne il motivo, perché per poter essere arrestati c'è bisogno di un mandato d'arresto del giudice (che con le notifiche non ha niente a che vedere perché se ti notificassero un arresto 99 volte su 100 l'arrestato se la squaglierebbe in Giamaica) e se non è possibile le forze dell'ordine devono farlo da quest'ultimo convalidare in udienza pubblica.

    La notifica di multe e di atti giudiziari potrebbe (dovrebbe) secondo me avvenire tranquillamente per posta elettronica certificata: chi non ha, non sa o non vuole usare un pc può eleggere domicilio presso il proprio legale, figlio, nipote, parente lontano, amico anche se mi rendo conto che i citati problemi spiacevoli sono fastidiosi ma secondo me nel complesso la macchina della giustizia ne guadagnerebbe tantissimo.

    RispondiElimina
  10. La mia era solo una preoccupazione. In galera senza saperne il motivo era detto per evidenziare il possibile aggravamento di una posizione se non si provvede in tempo.
    La mia preoccupazione permane. Non escludo una possibile migliore organizzazione via mail, va assicurata però la ricevuta di risposta (una assunzione di responsabilità di chi ha ricevuto la mail, magari tramite una firma digitale). Tutto è possibile ma ripeto è una questione delicata.
    saluti

    RispondiElimina
  11. Condivido che la questione è delicata e che assicurare la ricevuta di risposta è un'ottima cosa e magari utilizzare le firme digitali tornerebbe anche utile; ma in sè e per sè la mail, a differenza della notifica, non rischia di perdersi ed arriva istantaneamente. Quindi in teoria puoi provvedere istantaneamente.

    RispondiElimina

Pubblicherò tutti i commenti che non insultino me o altri, nemmeno se le persone che insultate mi stanno antipatiche.

Piuttosto se volete la mia eterna riconoscenza .... condividete, please.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop